15 secondi per ricaricare l’autobus alla fermata: da ABB una rivoluzione per il trasporto pubblico elettrico

3
2979

Tra l’aeroporto di Ginevra ed il Centro Espositivo Internazionale è già in funzione un rivoluzionario sistema di ricarica veloce degli autobus elettrici usati per il trasporto pubblico.

Al 60° congresso dell’International Association of Public Transport di Ginevra, ABB , gruppo leader nel settore delle tecnologie per l’energia e l’automazione, ha annunciato che sta lavorando al progetto pilota TOSA destinato a rivoluzionare il mondo delle infrastrutture urbane con ricadute oltremodo positive sui costi e sull’inquinamento ambientale ed acustico.

Il Trolleybus Optimisation System Alimentation (TOSA) sarà il primo sistema al mondo a prevedere per gli autobus elettrici di grande capacità (135 passeggeri) una ricarica di 400 kilowatt in 15 secondi presso le fermate predisposte, grazie ad un braccio semovente controllato da laser connesso ad una presa sulla pensilina. La ricarica completa sarà poi effettuata al capolinea in soli 3-4-minuti.

E’ un’intelligente soluzione, questa, destinata a non inquinare, a non interferire con gli orari dei mezzi di trasporto pubblico, a non deturpare l’ambiente con antiestetiche linee elettriche aeree.

Anche la francese PVI, con il progetto di rendere illimitata l’autonomia dei bus elettrici urbani attraverso un sistema di ricarica rapida alle fermate (WATT SYSTEM), sembra percorrere la stessa strada di ABB contribuendo a definire con sempre maggior chiarezza i contorni del trasporto pubblico futuro (intuibili anche dai progetti operativi in Scandinavia), facendo così apparire già obsoleto quel sistema che prevede 10 minuti di ricarica ogni 2 ore di funzionamento, come accade ad esempio oggi a Stockton, nella Northern California.

 

 

Andrea Lombardo

Fonti: ABB

 

 

 

 

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here