Ad un team femminile la prima gara fra auto elettriche del Qatar

1
593
TAQA Challenge Hybrid-Electric Car 2014
TAQA Challenge Hybrid-Electric Car 2014
TAQA Challenge Hybrid-Electric Car 2014

Abu Dhabi, studentesse universitarie e motori elettrici ed ibridi: la triade sembra delle più improbabili ed invece è il sintomo di un mondo in cambiamento.

È stata una squadra di ragazze, studentesse dell’Università del Qatar, ad aggiudicarsi la prima competizione organizzata nel Paese leader degli Emirati Arabi Uniti con protagoniste monoposto elettriche a batteria ed ibride.

Progettate e costruite dagli studenti stessi, provenienti dalle facoltà di ingegneria più valenti dell’area araba, le vetture si sono sfidate in un evento che aveva dell’educativo sotto molteplici aspetti (come riportammo all’annuncio della competizione).

Organizzare una gara di velocità e resistenza fra EV nella patria del petrolio ha avuto infatti sia il ruolo di offrire un’esperienza formativa per i giovani ingegneri sia uno scopo educativo nei confronti di tutti, attirando l’attenzione sul tema del post-oro nero.

All’eccezionalità della gara in sé e del suo contesto si è poi aggiunta la vittoria del team femminileGernas 114”, dominatore delle due prove da sostenere a discapito delle altre 11 squadre partecipanti: le ragazze hanno meritato il primo posto in virtù dei 101 giri di pista, consumando soli 1.5 kWh e 3.8 litri di benzina, coperti nella gara decisiva.

Tenutosi presso l’Al Forsan International Sports Resort, la TAQA Challenge Hybrid-Electric Car 2014 si è articolata in una gara fra sole auto elettriche, in pista con l’obiettivo di fare il maggior numero di giri possibile in un’ora con una sola carica, ed una disputata fra monoposto ibride, questa con il connubio di distanza percorsa e consumo di carburante nel mirino.

Ad organizzare la TAQA GCC è stata l’omonima società operante nel settore delle energie rinnovabili (cui gli Arabi guardano con interesse, essendone potenziali esportatori) mentre i 120 ragazzi partecipanti sono giunti dalle scuole di specializzazione superiore limitrofa come l’Istituto del Petrolio di Abu Dhabi, l’Abu Dhabi University, la United Arab Emirates University, la Khalifa University, la Qatar University ed il Masdar Institute.

Malgrado alcuni dei nomi delle scuole tradiscano un forte legame con l’identità economica del passato e del presente degli Emirati, la competizione ha rappresentato un primo passo verso un futuro diverso, anche sotto il sole arabo.

 

Andrea Lombardo

Fonte: Ansa

 

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here