Chevrolet Spark EV, per il 2015 batteria alleggerita ma stessa autonomia

1
727
Chevrolet Spark EV - Credit: GM
Chevrolet Spark EV - Credit: GM
Chevrolet Spark EV – Credit: GM

Novità in vista per la piccola di casa Chevrolet, la Spark, prodotta dall’anno scorso anche in versione completamente elettrica: il 2015 porterà infatti un make up alla batteria, più leggera dell’attuale ma ugualmente performante.

Come per la sorella maggiore range extended, la berlina Volt, le celle del pacco batterie saranno marchiate LG Chem: l’upgrade riguarda l’efficienza delle 192 celle agli ioni di litio che comporranno la riserva di energia della Spark EV.

Per migliorare l’economia di scala e, quindi, il vantaggio che il Gruppo GM può avere nel produrre auto elettriche, le Spark EV 2015 non avranno più i 21 kWh di capacità della batteria prodotta da A123 Systems (società che è stata recentemente rilevata dal gruppo cinese Wanxiang) bensì 19 kWh.

L’autonomia, afferma General Motors annunciando che l’assemblaggio del nuovo pacco batterie avverrà nel sito di Brownstown in Michigan, non ne risentirà, rimanendo di 131 km per singola carica: il principale vantaggio sarà rappresentato dalla diminuzione di peso del sistema di accumulo, che perderà 40 kg rispetto al predecessore.

GM cercherà poi di minimizzare, con questa operazione, i costi relativi all’assemblaggio dei pacchi batterie per i suoi modelli elettrici, concentrando a Brownstown le produzioni dedicate a Chevrolet Volt, Opel Ampera, Cadillac ELR e, appunto, Chevrolet Spark EV.

Peccato solo che noi europei siamo per il momento tagliati fuori dalle mete commerciali della citycar americana, per altro non tra le più care con i suoi 26,685 dollari di prezzo (19,496 euro circa): al momento i mercati selezionati sono California, Oregon e Corea del Sud.

Inizialmente i Paesi più “elettro friendly” d’Europa erano inclusi ma GM ha ritenuto di dover aspettare una maggiore crescita dei mercati nostrani prima di lanciare anche qui la sua citycar a zero emissioni.

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: AutoblogGreen

 

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here