Doppio debutto elettrica per l’indiana Mahindra al Delhi Auto Show

1
685

Reva Halo EV lateraleNon una ma due sono state le novità a zero emissioni svelate dal Mahindra al Salone dell’auto di Nuova Delhi: con la Mahindra Reva Halo EV e la monoposto che correrà per la scuderia indiana in Formula E sono 4 i modelli elettrici della Casa indiana.

Infatti la divisione dedicata all’elettrico del colosso indiano Mahindra & Mahindra, ossia Mahindra Reva, ha al suo attivo una citycar (la E20) e la Verito EV, versione a zero emissioni della Dacia Logan.

Se la monoposto con la livrea che contraddistinguerà il team indiano negli E-Prix non è però che la stessa Spark-Renault usata nella prima stagione da tutti i team, la novità sta nel concept sportivo Halo EV.

Quest’auto interrompe nettamente la linea di successione fra le vetture elettriche del marchio, non avendo nulla a che spartire con gli altri modelli e marcando una distanza siderale con i quadricicli elettrici che Mahindra esportava in Europa e USA meno di 10 anni fa (qualcuno potrebbe ricordare il disastroso G-Wiz).

La Halo è una due porte che occhieggia alle classiche linee delle Porsche 911 degli anni ’80 ma da un punto di vista tutto ecologico: il motore è solo elettrico e spinge l’auto a 100 km/ in meno di 8 secondi, con una velocità di punta di 160 km/h.

Chiude la triade di dati l’autonomia di 200 km, decisamente il punto di forza maggiore della Halo, che Mahindra Reva definisce una “sportiva per tutti i giorni“.

L’EV è destinato alla produzione nel 2016 anche in una versione 4 porte: gli Indiani al momento si stanno concentrando a promuovere l’elettrica sui canal social tramite l’hashtag HaloSelfie e con video su Youtube.

Quella del continente indiano è una realtà che si sta rapidamente facendo più attenta ai veicoli elettrici, sebbene le storie che ci giungono dall’interno del Paese lascino presagire come non sia per le auto come la Halo EV che c’è nell’immediato prospettiva di successo.

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: AutoblogGreen

1 COMMENT

  1. […] L’India si è già mostrata feconda nei confronti delle bici a pedalata assistita, care per le fasce più povere della popolazione (ossia la stragrande maggioranza) ma fondamentale mezzo per lavorare, motivo per il quale sempre più Indiani sono disposti a sacrificarsi per acquistarne una. Nelle zone urbane benestanti insiste invece il problema dell’inquinamento dovuto alla forte congestione del traffico ed al parco mezzi obsoleto: il governo dice di voler incentivare l’industria dell’auto elettrica ma non ha di fatto ancora promosso seri incentivi, mentre Mahindra, marchio nazionale delle 4 ruote, sta più che in passato sfornando modelli a zero emissioni. […]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here