Ecorally Mendola History: elettriche ed ibride protagoniste con le auto storiche della Bolzano-Mendola

0
410
photo credit: greekadman via photopin cc
photo credit: greekadman via photopin cc

Per chi è abituato ad identificare il mondo delle competizioni automobilistiche con il rombo dei motori endotermici, l’odore della benzina ed i fumi degli scarichi, non può non destare una certa sorpresa l’iniziativa della storica Scuderia Dolomiti, una delle più antiche e prestigiose d’Italia, di organizzare accanto al Mendola History, gara del Campionato Italiano Regolarità Auto Storiche, giunto alla settima edizione, ed al secondo trofeo di regolarità per Auto Moderne, anche il secondo Ecorally della Mendola, valido per il Campionato Mondiale FIA Energie Alternative 2013.

Nella splendida cornice delle Dolomiti, su un percorso di 400 chilometri che prevede l’attraversamento di 5 passi dolomitici, si sono così potute evidenziare, ancora una volta, le capacità dei veicoli a trazione alternativa, elettrici, ibridi o a metano, di rappresentare non solo valide soluzioni innovative di mobilità ma anche di offrire grande competitività nel pieno rispetto della natura e di quei principi di eco sostenibilità che devono ispirare un futuro dove la qualità della vita è fattore prevalente.

Tutto ciò si è concretizzato in due giornate di gara, sabato 8 e domenica 9 giugno, riaffermando il concetto di continuità tra passato e futuro che unisce la storia dell’auto e con il contributo anche di workshop di approfondimento sul futuro dell’automobile che si sono tenuti nella centrale idroelettrica di Cardano gestita dalla SEL, main sponsor della manifestazione, dove affluiscono le acque dell’Isarco e che, con la sua portata di 90 metri cubi al secondo ed un salto di 183 metri, costituisce un esempio di fonte energetica ecologica e rinnovabile.

Gli interventi sono stati significativamente tenuti dall’ing. Michelangelo Liguori, Fiat Group Marketing Director, che ha illustrato le ricerche del gruppo sui motori a basso impatto ambientale, e l’ing. Mauro Forghieri, progettista di alcune delle più prestigiose e vincenti Ferrari (ben 7 titoli mondiali costruttori e 4 piloti) tra cui il “mitico” 12 cilindri contrapposti. Forghieri, che ha anche partecipato all’Ecorally con una vettura elettrica da città, ha comunicato che sta lavorando ad un pick up elettrico adatto a percorsi di montagna la cui presenza è probabile al prossimo Innovation Festival di Bolzano che si terrà il 26-28 settembre 2013.

La cronaca sportiva dell’Ecorally infine, racconta della vittoria nella categoria veicoli elettrici di Walter Fuzzy Kofler e Luca Gastaldo su Think City, e nella categoria ibridi ed altre propulsioni alternative di Roberto Viganò e Andrea Fovana su Alfa Romeo Mito a GPL.

 

 

[GiLo]

Fonti: MotoriCorriere, OggiGreen, Scuderia Dolomiti

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here