Incentivi auto ecologiche: disponibili ancora 34 milioni

1
439

Se i fondi destinati ai privati si sono volatilizzati in pochi giorni, a distanza di mesi, sono ancora disponibili gli incentivi per l’acquisto di veicoli a emissioni di CO2 non superiori a 120 g/km (gpl, metano, ibridi ed elettrici) destinati all’uso di terzi (come taxi, noleggio con conducente, car-sharing, servizi di linea ecc) e alle flotte delle amministrazioni pubbliche e aziendali.

L’unico vincolo, che è probabilmente la causa che ha portato al “congelamento” di questi soldi, è che bisogna essere proprietari (da 12 mesi) di un veicolo vecchio di almeno 10 anni.

«Il vincolo di rottamare un veicolo di almeno 10 anni è eccessivamente rigido: oggi la vita media di un veicolo, anche di una piccola e media impresa, è di 4-5 anni. In pochi hanno nella loro flotta una vettura di oltre 10 anni da rottamare per ottenere l’incentivo», prova a spiegare Pietro Teofilatto, direttore Noleggio a lungo termine di Aniasa (Associazione Nazionale Industria Autonoleggio e Servizi Automobilistici), parte interessata visto che «l’80% circa delle elettriche vendute nel 2012 in Italia sono state acquistate dai noleggiatori».

Anche le case automobilistiche sostengono che i soldi sono stati mal distribuiti e che sarebbe stato più intelligente fare il contrario, cioè destinare una piccola parte alle aziende e dare la possibilità ai privati di convertirsi all’ecologico, magari rottamando il proprio veicolo con più di dieci anni.

Ad ogni modo, ricordiamo che c’è tempo fino a fine anno e che il contributo è pari, per tutti i veicoli ammissibili, al 20% del costo risultante dal contratto di acquisto (prima delle imposte), con un tetto massimo di 5.000 euro e che si può verificare la disponibilità dai contributi direttamente sul sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico.

 

Leggi le altre notizie, scaricale sui tuoi computer e tablet in PDF e condividile con i tuoi amici sui social network: puoi, basta un click ed è GRATIS!

1 COMMENT

  1. Anche io penso e molta gente pensa, che i soldi sono stati mal distribuiti e che sarebbe stato più intelligente fare il contrario, cioè destinare una piccola parte alle aziende e dare la possibilità ai privati di convertirsi all’ecologico.
    Non ha avuto nessun effetto questa manovra.
    Non si potrebbe fare pressione all’organo competente, per convertire questi soldi al privato, visto che l’incentivazione durerà per altri 2 anni 2014 e 2015.
    Ma non legata alla rottamazione, ma per la sostituzione a mezzi più ecologici e quindi meno inquinanti.
    Grazie.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here