La Volkswagen e-Up! Elettrica esce allo scoperto con il Natale

3
593
Volkswagen e-Up! ed XL1 spot TV via YouTube
Volkswagen e-Up! ed XL1 spot TV via YouTube
Volkswagen e-Up! ed XL1 spot TV via YouTube
Volkswagen e-Up! ed XL1 spot TV via YouTube

Due bambine che immaginano il futuro ed un’auto magica che prende vita direttamente dai loro disegni: ecco l’idea dello spot che Volkswagen sta proponendo agli Italiani, in prima serata, nella settimana di Natale.

Protagonista è la e-Up! 100% elettrica assieme alla XL1 ibrida plug-in, le due auto sulle quali il marchio tedesco, che già detiene miti delle 4 ruote come l’immortale Golf, punta per il futuro. Se chi ci segue da un anno a questa parte ha già sentito parlare dei due modelli, andiamo a vederne le principali caratteristiche per quanti sino ad oggi di auto elettriche non avevano mai sentito parlare.

 

La XL1 è la cosiddetta “auto da un litro” in quanto Volkswagen ha raggiunto nel realizzarla l’equilibrio perfetto fra peso della vettura e potenza dei motori (diesel ed elettrico nella forma dell’ibrido plug-in, cioè con batteria ricaricabile per un’autonomia in solo elettrico di alcune decine di km) al fine di raggiungere la massima efficienza nei consumi di 1 litro ogni 100 km. La XL1 è un’auto molto particolare e non alla portata di tutti: sebbene infatti la sua efficienza abbia un’appetibilità molto “proletaria”, l’auto è un condensato di tecnologia tale, dai materiali ultraleggeri alle telecamere che sostituiscono gli specchietti (aboliti per migliorare l’autonomia), da far sì che il prezzo finale sia da amatori (potete leggere questo articolo per conoscere nel dettaglio le caratteristiche dell’auto).

La XL1 è poi prodotta artigianalmente nello stesso stabilimento di produzione delle Porsche, in serie limitata a 300 esemplari. Quale la sua utilità quindi? Alla sperimentazione sulla XL1 si dovrà la paternità di molti modelli delle future gamme (accessibili) di Volkswagen, prima fra tutti la Twin-Up!, terza evoluzione ecologica della citycar tedesca.

 

La vera protagonista dello spot è piuttosto la e-Up! elettrica, auto che sostituisce al convenzionale motore benzina della citycar già nota al pubblico italiano anche in versione a metano, un propulsore 100% elettrico.

Presentata al Salone di Francoforte nel settembre scorso l’auto si offre con 82 cavalli di potenza ed una coppia di 210 Nm che si traducono in un’accelerazione 0-100 km/h in 12.4 secondi ed una velocità massima di 130 km/h. La batteria della e-Up! è da 18.7 kWh per un’autonomia di 160 km che, combinata con le prestazioni del motore, offre un interessante consumo energetico di 11.7 kWh ogni 100 km: in pratica, coprire tale distanza con la Volkswagen e-Up! elettrica dovrebbe costare circa 3 euro.

Infine sono due le modalità di guida (Eco ed Eco+) e quattro livelli di recupero dell’energia in frenata (D1, D2, D3 e B), mentre lo standard di ricarica è il CCS adottato dall’Unione Europea.

 

Volkswagen ha allestito un interessante sezione dedicata all’e-mobility nel suo sito italiano ed è sufficiente il primo sguardo per capire che la completezza delle informazioni proposte hanno il chiaro intento di “evangelizzare” la potenziale clientela per le auto elettriche: nelle diverse schede si può scoprire ogni cosa, dalle caratteristiche dei due modelli alle modalità di ricarica, passando per nozioni di base su cosa siano e come funzionino i veicoli elettrici.

Con questa mossa Volkswagen prepara il terreno alla vera miss dell’elettromobilità del marchio, la e-Golf, ma raggiunge anche le pioniere Nissan e Renault: quest’ultima aveva scosso gli schermi TV con la campagna per la sua ZOE elettrica nella prima metà del 2013.

 

La e-Up! non ha ancora un prezzo noto per l’Italia, tuttavia in Gran Bretagna le vendite sono iniziate con un prezzo pari a circa 28,000 euro che, grazie agli incentivi statali, scendono a 22,500 euro circa.

L’arrivo della e-Up! arricchirà anche per gli Italiani il panorama dell’alternativa alla benzina, aggiungendosi alle Nissan Leaf, Renault ZOE, Peugeot iOn, Citroen C-Zero, smart E.D. e BMW i3 che oggi rappresentano le offerte sul mercato a emissioni zero, almeno per quanto riguarda i Marchi più noti.

 

 

Andrea Lombardo

 

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here