Mannheim in Germania testa la ricarica wireless per i bus: nasce la “route 63” per l’eco mobilità

2
629
Primove Bombardier

Primove BombardierGià, ve ne siete accorti, avrei dovuto scrivere “route 66” e non “63”: ma la Sixty-six è la mitica “strada madre” della cultura on-the-road degli anni ’50-’60, mentre la “63” è la strada della rivoluzione elettrica per il trasporto tedesco.

Infatti da qui i “ribelli” dell’ecomobilità prenderanno piede per circolare nella città di Mannheim, prima in Germania a testare i sistemi di ricarica wireless per gli autobus lungo le fermate di quest’arteria urbana.

Gli autobus usati sono due elettrici fabbricati da Bombardier, modello PRIMOVE, ed utilizzeranno la tecnologia di ricarica ad induzione presso le fermate: quindi nel tempo in cui i passeggeri salgono e scendono dalle vetture le batterie si ricaricano parzialmente, rimpinguando ad intervalli regolari l’autonomia.

Questo elimina la necessità di tenere gli autobus elettrici fermi per le lunghe ricariche notturne di diverse ore, eliminando l’ansia da autonomia che potrebbe affliggere gli autisti poco in confidenza con questo nuovo tipo di mezzi.

In realtà, PRIMOVE è soprattutto il nome che contraddistingue la metodologia di ricarica affinata da Bombardier e declinata sugli autobus come per i vettori su rotaie, specialità dell’azienda canadese.

I sistemi di ricarica magnetica induttiva trasferiscono energia al mezzo da sotto l’asfalto, servendosi dell’aria come mezzo per le onde che la trasportano: questo progetto è stato supportato dall’Istituto di Tecnologia di Karlsruhe e si aggiunge ai molti già partiti in altre città europee e soprattutto nord americane.

Lo scopo dei test su questi due autobus PRIMOVE elettrici è di verificarne l’efficienza e la praticità per poi adottare la tecnologia elettrica per il resto del servizio pubblico, riducendo emissioni inquinanti e costi.

Il Ministero Federale dei Trasporti, delle Costruzioni e dell’Urbanistica tedesco partecipa alla sperimentazione con uno stanziamento di fondi pari a 3,3 milioni di euro.

Durerà un anno a partire dal 2014, prima del quale Bombardier roderà i suoi PRIMOVE bus elettrici a Montreal, in Canada.

 

[A.L.]

 

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here