Mobilità elettrica: Abb chiama a raccolta i mobility manager

2
588

A fornire su un vassoio d’argento lo spunto per cominciare le discussioni è stato il meteo: la pioggia battente che è caduta su Milano il 19 settembre ha reso evidente (ammesso ce ne fosse bisogno) la realtà della insostenibilità degli spostamenti nelle grandi città. Nella sede di Abb all’approfondimento di questo tema sono stati dedicati momenti di confronto e racconti di esperienze nell’ambito del Forum 4M dal titolo La città metropolitana: community per una mobilità sostenibile.

Abb ha invitato i mobility manager di Milano Metropoli a confrontarsi e instaurare un momento di dialogo per capire quali siano le sfide della mobilità sostenibile e in che misura i veicoli elettrici possano rappresentare una valida risposta. E per passare dalle parole ai fatti, l’azienda ha lanciato la proposta della e-mob.net: una rete di imprese che collaborano allo scopo di abbattere le barriere alla diffusione della mobilità elettrica.

“La solitudine dei mobility manager” è stato il leit motiv della giornata, a sottolineare la frustrazione di chi fa questo mestiere, tra le difficoltà del dialogo con le imprese e le istituzioni. Con E-mob.net i mobility manager potrebbero essere meno soli.

2 COMMENTS

  1. Ho decicato 32 anni della mia vita all’Automotive,vendendo Autovetture
    nella mia Citta’ di Milano, un giorno in occasione di una fiera dell’elettrico
    mi sono innamorato di questa nuova mobilita’,pensando a quella Urbana e voglio aggiungere del pendolarismo prima provincia, sono fortemente convinto
    che l’uso dell’elettrico (Biciclette,Ciclomotori,Quadricicli),sara’ per parecchi anni a venire la soluzione sostenibile delle nostre citta’,per molteplici motivi che non sto ad elencare,ho iniziato a noleggiare questi prodotti,proprio per avvicinare le persone a questa nuova realta’e ad apprezzare il loro comportamento.
    Un cliente al quale ho venduto una bicicletta’ elettrica interpellato da me dopo alcuni giorni dalla consegna,mi ha ringraziato dicendomi che non aveva mai al mattino presto attraversato un parco per recarsi al lavoro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here