Nasce Bolloré Italy, auto elettriche e batterie francesi per l’Italia

1
1238
photo credit: mariordo59 via photopin cc
photo credit: mariordo59 via photopin cc

Vedremo la Bluecar, citycar elettrica che ha conquistato Parigi, sulle strade nostre ma non solo: la costituzione del ramo italiano della società bretone Bolloré porterà con sé anche lo sviluppo di sistemi di ricarica e pacchi batterie per veicoli elettrici.

Con «La concezione, lo sviluppo, la fabbricazione, la distribuzione e la vendita di veicoli elettrici per il trasporto di persone» come statuto è stata costituita presso uno studio notarile milanese Bluecar Italy s.r.l., società il cui capitale è stato quasi integralmente costituito dalla progenitrice francese.

Amministratore unico di Bluecar Italy è il francese Jean-Marc Désiré Metais, già presidente e direttore generale di Batscap, il braccio dedicato alle batterie del gruppo Bolloré.

Bolloré si è guadagnato una certa notorietà in Francia dove il progetto di car sharing Autolib’, costituito da flotte della sua Bluecar elettrica, si è espanso a macchia d’olio facendo conoscere la mobilità e emissioni zero ai Parigini.

Responsabile anche dell’installazione di un network di ricarica esteso nel Paese, Bolloré aveva già lanciato la Bluecar sul mercato transalpino ad inizio anno, forte del gradimento riscosso nel servizio di car sharing e dello sviluppo in proprio di una batteria competitiva.

Il Gruppo Bolloré, fondato nel 1822 ed attivo in diversi segmenti industriali (media e comunicazioni, trasporti e logistica e gestione dell’energia elettrica), è infatti, per quel che riguarda i trasporti elettrici, differenziato in sezioni di sviluppo e progettazione veicoli, progettazione nonché costruzione batterie e servizi di logistica.

Recente la collaborazione in Africa che ha portato BlueSolutions a fornire il primo autobus elettrico (infrastruttura compresa) alla Costa d’Avorio.

La Bluecar, da par suo, ha sempre avuto legami con l’Italia essendo nata dalla matita di Pininfarina ed essendo prodotta proprio nel nostro Paese sotto la joint venture Vehicule Électriques Pininfarina Bolloré (VEPB).

La citycar elettrica vanta un’autonomia in ciclo urbano di 250 km (150 in extraurbano) ed un design piacevole: l’arrivo di Bolloré Italy è un altro tassello che va a comporre il quadro futuro della mobilità alternativa italiana, lentamente (ma inesorabilmente) in crescita.

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: ItaliaOggi

 

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here