Nissan testa nuove batterie resistenti a temperature estreme per le Leaf elettriche

1
794

Uno dei problemi che possono affliggere le auto elettriche è la perdita di capacità del pacco batterie, fenomeno facilitato dalle temperature estreme: per limitare anche questo tipo di inconvenienti Nissan ha allo studio una nuova generazione di batterie per le sue Leaf.

Queste batterie, basate su una composizione chimica differente da quelle sino ad oggi usate, sono in grado di sopportare temperature di esercizio molto elevate mantenendo gli stessi standard qualitativi e prestazionali garantiti a temperature normali.

Malgrado la percentuale di Nissan Leaf affette da problemi di autonomia rappresenta, secondo l’azienda, solo lo 0.1 % delle 31,200 auto vendute negli USA fino a luglio 2013, resta comunque necessario elaborare batterie affidabili anche in situazioni eccezionali (che poi in certe zone geografiche così anormali non sono).

Le temperature critiche di cui si parla sono quelle che si aggirano attorno ai 45 gradi centigradi, per i quali Nissan sta effettuando i test sulle nuove unità: questa soglia è ritenuta sufficiente per operare in sicurezza ed affidabilità nella maggior parte dei mercati.

I giapponesi non indicano ancora una data per l’introduzione di questi nuovi dispositivi di serie sulle loro auto elettriche ma si dicono convinti che i test avranno pieno successo, velocizzandone l’arrivo. Le prime Leaf che riceveranno questi pacchi batteria saranno quelle che, secondo i termini della garanzia Nissan, hanno diritto alla sostituzione della batteria, probabilmente a partire dal prossimo aprile.

L’anticipazione è stata ripresa dai blog statunitensi a seguito di un forum tra i dirigenti Nissan e dei proprietari di Leaf elettriche: in quella sede (a Phoenix il week end scorso, per la cronaca) è stato anche detto che la politica Nissan riguardo alla vendita delle batterie delle vetture elettriche ai proprietari potrebbe modificarsi in futuro.

In passato Nissan era già intervenuta sulle prestazioni delle sue batterie, fornendo le Leaf dalla seconda generazione in poi di un sistema di riscaldamento per preservarle dalle basse temperarture.

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: GreenCarReports

1 COMMENT

  1. Le prime batterie che erano usate per i veicoli elettrici erano molto ingombranti e avevano poca autonomia. Oggi grazie all’introduzione delle batterie al litio le cose sono notevolmente migliorate. Infatti esse sono molto più piccone e consentono un’autonomia di circa 150 Km. Quindi garantiscono gli spostamenti giornalieri, anche se l’autonomia consentita è ancora molto inferiore rispetto a quella dei veicoli tradizionali. Le affermazioni di questo articolo fa ben sperare per il futuro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here