Normative sui veicoli elettrici: CEI, ANIE e IMQ pubblicano la prima norma nazionale sui cavi per la ricarica elettrica

0
1098
photo credit: Eneas via photopin cc
photo credit: Eneas via photopin cc

La condivisione di standard tecnici e regole è il primo vero passo verso una facile e proficua adozione della mobilità elettrica: posto che la convenienza ecologica ed economica dei veicoli elettrici sia ampiamente dimostrata, senza una normativa univoca a livello nazionale utenza e produzione sono in balìa della confusione e della concorrenza tra i singoli – il proliferare di sistemi di ricarica specifici ne è un esempio.

Per quel che riguarda i cavi di alimentazione per veicoli elettrici, ANIE Confindustria, CEI e IMQ hanno redatto un documento che norma le specifiche tecniche di questo tipo di cavi per l’Italia: pubblicata nel febbraio scorso, è stata registrato come Norma CEI 20-106.

La nuova norma rappresenta un avanzamento nel campo della condivisione di uno standard sul territorio nazionale, in attesa che sia l’Europa ad emettere una normativa egemonizzata valida per tutti i Paesi membri della Comunità.

Di seguito le specifiche del comunicato con le caratteristiche della norma:

 

Il CEI, Comitato elettrotecnico italiano, in collaborazione con gli esperti di ANIE Confindustria e di IMQ, ha messo a punto, tramite il suo Comitato tecnico 20, la prima norma CEI per cavi per alimentazione di veicoli elettrici, per disporre a livello nazionale di una specifica tecnica comune, in attesa che in sede europea (CENELEC) e mondiale (IEC) siano realizzate le norme “armonizzate”.

Federazione ANIE partecipa da anni, con un team di esperti, ai comitati tecnici dell’ente normatore e grazie alla elevata professionalità ed esperienza dei suoi specialisti, fornisce pareri e consulenze tecniche indispensabili al percorso normativo.

La Norma CEI 20-106, (Cavi elettrici con isolamento reticolato non propaganti la fiamma, con tensione nominale non superiore a 450/750V destinati alla ricarica dei veicoli elettrici) pubblicata nel mese di Febbraio, si applica ai cavi flessibili con isolamento elastomerico reticolato e guaina a base di materiale termoplastico o elastomerico, utilizzabili per la ricarica di veicoli elettrici, secondo Norma IEC 61851, in tre casi specifici:

• connessione del veicolo elettrico alla sorgente di alimentazione realizzata con un cavo (e relativo connettore) permanentemente collegato al veicolo stesso;

• connessione del veicolo elettrico alla sorgente di alimentazione realizzata con un cordone prolungatore (cavo e relativi connettori) tra la sorgente di alimentazione e il veicolo elettrico;

• connessione del veicolo elettrico alla sorgente di alimentazione realizzata con un cavo (e relativo connettore) permanentemente collegato alla sorgente di alimentazione.

I cavi previsti dalla Norma sono particolarmente adatti al collegamento tra il veicolo elettrico e il dispositivo di erogazione dell’energia elettrica. Possono essere utilizzati all’interno e all’esterno di edifici, dove la temperatura ambiente è compresa tra -30°C e + 50 °C e con temperatura in servizio permanente del conduttore non superiore a 90 °C.

Inoltre possono essere esposti alla luce solare a contatto con sostanze corrosive contaminanti o acqua durante il tempo necessario per la ricarica del veicolo. Tutte caratteristiche la cui idoneità è stata valutata nei laboratori di IMQ, che ne garantirà anche gli aspetti di sicurezza. In previsione dell’utilizzo “pubblico” che tali cavi avranno, questi saranno infatti sottoposti al regime del Marchio IMQ il che significa verifica del sistema produttivo dell’azienda, testing sul prodotto e sorveglianza periodica della produzione anche attraverso prelievi in azienda e sul mercato.

Chi avrà ottenuto la concessione dovrà apporre, per tutta la lunghezza del cavo, il contrassegno dell’ente di certificazione secondo quanto stabilito dal Regolamento IMQ.

 

In ANIE è presente dal 2012 il Gruppo E-Mobility, nato con l’obiettivo di affrontare le tematiche tecniche e strutturali legate alla mobilità elettrica. Su questo tema l’industria rappresentata da ANIE rivendica il ruolo chiave di offerta di soluzioni tecnologiche innovative. Tra gli obiettivi vi è l’auspicato completamento di un sistema normativo omogeneo ed ufficialmente riconosciuto per i singoli apparati e componenti. AICE è l’Associazione aderente a Confindustria ANIE che rappresenta le aziende operanti nei comparti dei cavi per energia, dei cavi per comunicazione e dei conduttori per avvolgimenti elettrici. Ad AICE aderiscono oltre 30 aziende per un fatturato aggregato di comparto a fine 2011 di 3,4 miliardi di euro, di cui 1,3 miliardi di esportazioni.

Confindustria ANIE, con quasi 1300 associate e circa 450.000 occupati, rappresenta il settore più strategico e avanzato tra i comparti industriali italiani, con un fatturato aggregato di 71 miliardi di euro (di cui 28 miliardi di esportazioni). Le aziende aderenti a Confindustria ANIE investono in Ricerca e Sviluppo il 4% del fatturato, rappresentando più del 30% dell’intero investimento in R&S effettuato dal settore privato in Italia.

CEI Comitato elettrotecnico Italiano, è un’Associazione senza scopo di lucro responsabile della normazione in campo elettrotecnico, elettronico e delle telecomunicazioni in ambito nazionale, con la partecipazione diretta – su mandato delle Stato Italiano – nelle organizzazioni di normazione europea (CENELEC) e mondiale (IEC). Le Norme CEI sono documenti che definiscono le norme di buona tecnica per prodotti, processi e impianti, costituendo il riferimento per la presunzione di conformità alla “regola dell’arte”. La missione del CEI, quale organo super partes, è quella di elaborare documenti normativi di buona tecnica, partecipare alla stesura e recepire documenti normativi armonizzati europei, partecipare alla stesura di normative internazionali, diffondere la cultura tecnico-scientificae della standardizzazione.

IMQ – Il Gruppo IMQ rappresenta la più importante realtà italiana nel settore della valutazione della conformità (certificazione, prove, verifiche, ispezioni). Forte della sinergia tra le società che lo compongono, dell’autorevolezza acquisita in 60 anni di esperienza, della completezza dei servizi offerti, il Gruppo IMQ si pone infatti come punto di riferimento e partner delle aziende che hanno come obiettivo la sicurezza, la qualità e il rispetto per l’ambiente. La certificazione dei cavi per alimentazione delle auto elettriche viene ad aggiungersi all’attività di verifica già svolta da IMQ sulle stazioni di ricarica in C.A., potenziando gli strumenti di controllo della qualità a disposizione del mercato della smart mobility“.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here