Primi autobus elettrici in servizio a Londra

6
1010
L’arrivo degli e-bus BYD a Londra – Credit: BYD Europe via Facebook
L’arrivo degli e-bus BYD a Londra – Credit: BYD Europe via Facebook
L’arrivo degli e-bus BYD a Londra – Credit: BYD Europe via Facebook
L’arrivo degli e-bus BYD a Londra – Credit: BYD Europe via Facebook

La capitale britannica ha iniziato un test con autobus elettrici in regolare servizio su due linee metropolitane: i primi due 12 metri hanno debuttato ieri, giovedì 19 Dicembre, sulle linee 507 e 521.

Forniti dal marchio cinese BYD, già oltremodo noto agli addetti al settore per la partecipazione a numerosi progetti pilota, alcuni dei quali già culminati con l’adozione permanente dei veicoli elettrici, i due autobus elettrici opereranno nel centro londinese fra le stazioni di Victoria, Waterloo e London Bridge.

La società coordinatrice del trasporto pubblico di Londra, Transport For London (TfL), farà seguire a questa prima sperimentazione una seconda fase con ulteriori 6 autobus elettrici a batteria: per il sindaco della capitale britannica e per il suo staff, la potenziale adozione di autobus a emissioni zero costituisce una strada da percorrere per ottenere un sensibile miglioramento dell’aria.

Negli ultimi anni sono già stati presi provvedimenti rigidi per combattere le congestioni del traffico nel centro città (con il London Congestion Charge a limitarne l’accesso ai veicoli), mentre TfL vanta la più vasta flotta di autobus ibridi d’Europa (ben 600), destinata a raggiungere le 1,700 unità entro il 2016.

Per le strade della capitale circolano anche bus ad idrogeno, sulla linea che collega Covent Garden e Tower Gateway.

Gli autobus di BYD hanno autonomia di 250 km e ricaricano in 4-5 ore, potendo così lavorare per l’intera giornata per poi rifornirsi nottetempo; naturalmente, sebbene si tratti di un test già avanzato poichè vede i due e-bus in servizio effettivo, i dirigenti dei trasporti pubblici londinesi dichiarano che il comportamento dei veicoli sarà attentamente monitorato.

Anche per TfL e Go-Ahead London, la società degli autobus londinesi, l’utilizzo di bus a emissioni zero porta dei notevoli vantaggi, stimati in un buon 75% di risparmio sul carburante se comparati con un monopiano diesel (diversi dai bus a due piani per i quali Londra è famosa).

BYD è invece alla quarta grossa collaborazione europea dopo quelle con l’aeroporto internazionale di Amsterdam Schiphol, le città di Rotterdam e Copenaghen: a differenza che negli USA e in America latina, in Europa i cinesi hanno iniziato dopo a cercare contratti di fornitura per i suoi bus elettrici, strumento prediletto per accrescere la notorietà dell’azienda fuori dai confini nazionali.

Proprio a Londra arriveranno anche i taxi elettrici del Marchio, sotto le livree di Greentomatocars.

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: Transport for London, BYD Europe

 

6 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here