Renault ZOE: primo contatto e prova su strada dei nostri lettori (con video)

6
944
Renault Zoe
Renault Zoe - Credit: Stefano Balegno
Renault Zoe
Renault Zoe – Credit: Stefano Balegno

Cosa meglio delle vostre impressioni per raccontarvi la scoperta della nuova auto elettrica francese, la Renault ZOE? Ecco la prima esperienza giunta in redazione, completa di due interessanti ed esaustivi video che ci mostrano la ZOE elettrica sia negli esterni che nella sua prima uscita dal concessionario.

Una delle cose belle di un blog è l’interazione con i propri lettori: per un sito che si occupa di qualcosa di sempre più tangibile, come la mobilità sostenibile, può diventare fondamentale condividere l’esperienza diretta delle persone se ne serviranno (o meno). Se internet può rappresentare un ottimo strumento per democratizzare l’informazione, bene, usiamolo.

Allora ad avere il primo contatto con questa novità tanto attesa, la ZOE elettrica di Renault, non ci siamo andati noi: ci siete andati voi. L’iniziativa lanciata questa settimana sulla nostra pagina facebook di raccogliere le impressioni dei nostri lettori che siano andati (o che andranno, l’invito è sempre valido) a provare la ZOE nei concessionari sta dando i primi frutti: così, in attesa dei filmati della ecoRace che abbiamo disputato proprio sulle ZOE elettriche e della prova che eseguiremo in strada con un nostro tester, diamo voce direttamente alle vostre impressioni.

 

L’esperienza che vi proponiamo è quella di Massimo e Stefano, padre e figlio che hanno prenotato il test drive della Renault Zoe nell’Aostano: due video, uno panoramico sugli esterni ed uno ripreso durante la guida, ci illustrano davvero chiaramente le sensazioni trasmesse dalla vettura elettrica.

Vi riporto direttamente le parole con cui Stefano ci ha descritto l’auto: “Le impressioni di guida sono buone, il feedback sia dell’acceleratore sia del freno risultano molto reattivi, la prima in particolare risulta continua e progressiva, senza strappi, mentre non si accelera la macchina comincia già a rallentare gradualmente in modo da cominciare il recupero dell’energia che diventa importante quando si va a frenare in modo energico. Nonostante i 4 metri di lunghezza sembra più corta perchè molto agile nell’impostazione delle curve.
Anche il sistema r-link risulta molto semplice da utilizzare e come vedrete dal secondo video l’impianto acustico risulta ben performante”.

Non c’è che dire, dobbiamo ringraziare Massimo e Stefano per la qualità e la professionalità del lavoro fatto.

 

Nelle riprese interne si notano bene le finiture della ZOE: certo, mancano le sensazioni al tatto, ma sedili, plancia ed allestimento in genere sembrano in linea con le dotazioni tipiche di un’auto di fascia media. Sono ben inquadrate le portiere posteriori, i comandi per gli alzacristalli elettrici per tutte e quattro le porte, i vani porta oggetti.

Il cruscotto è molto pulito: il display dove si trovano abitualmente i contachilometri indica con chiarezza le informazioni sull’andatura del veicolo e sul consumo di energia; fate attenzione, sulla sinistra, alla “pila” che indica l’autonomia del veicolo: come sottolineato dalle parole del concessionario, ogni volta che si sfiora il freno essa si colora per indicare il recupero rigenerativo dell’energia.

La plancia è invece dominata da un altro display, il 7 pollici touchscreen (che pare anche discretamente sensibile) dal quale si ricevono e gestiscono le informazioni del sistema R-Link (con connessione internet integrata). Al termine della guida sono molto chiare le statistiche sui km percorsi, il consumo medio in kWh/100 km, la velocità media ed il consumo totale di energia.

Le parole che si sentono ripetere di più sono “fantastica” e “è proprio un bel giocattolino”: ok, il nostro Massimo è entusiasta dell’esperienza, però la ZOE sembra davvero volergli dare soddisfazione.

Nel video l’auto si dimostra agile e decisamente fluida, quando il guidatore le chiede di “andare” lei risponde con un’accelerazione sempre pronta: la progressione sembra essere una delle cose che più sorprendono della guida. Inutile sottolineare il silenzio: il microfono della telecamera capta sì del fruscìo ma è facile capire che si tratta del rumore della strada e non quello del motore. Una delle cose che abbiamo rilevato nelle nostre prove passate su altre auto elettriche è che la silenziosità fa percepire molto di più tutti i rumori di fondo, cosa scontata ma sempre un po’ strana le prime volte.

Alla fine i nostri due “tester per un giorno” fanno qualche considerazione sull’elettrico, in particolare sui costi: la Renault ZOE si aggira sui 21.000 euro circa (cui sommare il canone mensile di 79 euro per il noleggio delle batterie), un prezzo già “umano”, ma interessante è il risparmio in manutenzione e consumi sul lungo termine.

In effetti, la ricarica mensile in abbonamento costa meno di 30 euro ed è a forfait. Quante volte facciamo 30 euro di benzina o gasolio in un mese con le nostre normali auto endotermiche?

 

 

Andrea Lombardo

Si ringraziano Stefano B. e Massimo B. per averci resi partecipi della loro esperienza e per aver condiviso con noi foto e video. Veicoli Elettrici realizzerà un servizio sulla Renault ZOE proprio sulla base delle vostre testimonianze dirette: chi vuole mandarci del materiale o dei commenti sul suo test drive può contattarci qui o tramite la nostra pagina facebook.

 

 

6 COMMENTS

  1. Buongiorno, sono davvero molto soddisfatto del risultato finale dell’articolo, complimenti anche a voi che siete riusciti a valorizzare il mio lavoro. Mi auguro di poter replicare al più presto con altre vetture che siano elettriche oppure ibride. Un saluto a tutta la redazione. Stefano.

  2. salve a tutti!
    io ho provato ieri la Renault Zoe per un giorno intero, gentilmente concessa dalla concessionaria Autobase di Padova.
    Ho avuto modo di percorrere 100 km circa, variando dalla città, strada statale e autostrada.
    Sono rimasto sbalordito dalla facilità di guida e dal consumo davvero contenuto in città.
    Al contrario, in autostrada, la Zoe consuma molto, oserei dire troppo! In 30 km che ho fatto in autostrada si è quasi dimezzata la carica!
    Sono riuscito anche a caricarla al Centro Commerciale le Brentelle. La carica è completamente gratuita, basta farsi dare la tesserina in direzione!
    Le conclusioni: Renault Zoe ottima per città e brevi spostamenti extraurbani (30/40 Km). Assolutamente da evitare invece l’autostrada, a causa del forte consumo della batteria di trazione.
    Provatela, ne vale la pena!
    Sergio

  3. Na grande fregatura al momento della prenotazione ti dicono che non c’è bisogno di una carta di credito, ti mandano il messaggio per la prenotazione e la puntualità , arrivi a destinazione la macchina non è pronta in più ti fai 20 km per raggiungere la concessionaria puglisi di Catania e l’addetto ti dice mi dia la patente carta identità +la carta di credito , verifichiamo nel contratto che non c’è bisogno di nessuna carta, mi ritirò i documenti e li mano a quel paese, questa e’ la serietà di Renault.che schifo.

  4. Auto ben fatta, plastiche da auto media, molto silenziosa e ben accessoriata.
    L’accelerazione in modalità non-Eco è progressiva e inaspettatamente poderosa.
    Se guidata con il piede leggero (molto leggero) si sfiorano i 200 km di autonomia.
    E’ un’auto ben fatta ed io la comprerei (se non fosse per il canone mensile).
    Piccoli difetti:
    – le levette dietro al volante non sono illuminate
    – dopo un po’ ti viene il sonno… è un’auto troppo rilassante 😉
    Per il resto renault ha fatto un ottimo lavoro, ma il canone mensile ne schiaccia molto la convenienza rispetto ad un modello a gas.

  5. Buonasera
    Sono proprietario di due veicoli elettrici una Twizy che uso io tutti giorni per andare al lavoro ed alcune commissioni e l’altra una Zoe Zen che mia moglie mi ha sequestrato perché gli piace troppo andare in giro perché
    1 consuma poco o niente,
    2 gli piace l’idea che non inquina
    3 viaggia in tutta relax senza rumore del motore.
    4 macchina molto pratica nei parcheggi grazie anche alla telecamera che ti indica la distanza dall’ostacolo anche di notte
    5 grazie alla possibilità di programmare il riscaldamento o l’aria condizionata trovi sempre la macchina fresca prima di partire
    Tra breve vedremmo come si comporterà sulla neve

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here