Salone di Ginevra – Colibri EV, monoposto elettrica che costerà meno di €10.000

2
1164
Colibri EV
Colibri EV © Innovative Mobility
Colibri EV
Colibri EV © Innovative Mobility

C’è chi scommette sempre di più sul mondo delle auto elettriche, specie di piccola taglia. Anzi, piccolissima: il Colibri Electric Vehicle è una monoposto elettrica ideata dalla Innovative Mobility Automobile GMBH, azienda tedesca della Turingia abbreviata nella sigla IMA.

Le piccole dimensioni, le zero emissioni inquinanti e la praticità nel parcheggio lo rendono simile ad altri già visti (dalla Hirico alla Casple-Podadera al Volpe), compreso l’i-ROAD Toyota presentato nello stesso contesto: le peculiarità con cui dovrebbe contraddistinguersi sono la longevità del ciclo vitale della batteria (almeno 2.000 ricariche, equiparabili a grandi linee a 220.000 km o 8 anni di utilizzo) e per i bassi tempi di ricarica.

120 km/h la velocità massima, 110 km di autonomia ed un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 9,9 secondi, stando ai dati dichiarati da IMA, le prestazioni generali del suo Colibri EV.

La società tedesca scommette su un pubblico di potenziali acquirenti per minicar elettriche di questo tipo pari a 500.000 unità e si dichiara pronta ad assolvere ad una produzione di 17.000 esemplari l’anno grazie alle partnership industriali di cui si avvale.

Venduta a meno di 10.000 euro, anche se non esiste ancora un listino preciso comprensivo dei vari optional, Colibri EV dovrebbe essere prenotabile nel 2014 e pronta alle prime consegne nel 2015.

 

Ma quali le ulteriori caratteristiche rilasciate da IMA?

Colibri EV è lunga 2,7 metri, è larga 1,18 m ed alta 1,30 metri: l’accesso all’abitacolo avviene attraverso due portiere con apertura ad ala di gabbiano, mentre all’interno ogni cosa, dai pedali al volante, è regolabile per adattarsi a guidatori di statura compresa tra il metro e 58 cm ed il metro e 98 cm.

Il bagagliaio ha una capienza specificata in 180 litri o “una valigia e due casse”.

Il telaio è costruito usando una lega leggera di acciaio al magnesio per ridurre il peso del veicolo (circa 400 kg) ed il consumo di energia: a dispetto della leggerezza la sicurezza non è stata compromessa, almeno stando a quanto detto dai suoi sviluppatori B&W (società di Wolfsburg) ed Altair Engineering. Colibri si sarebbe posizionato al primo posto tra i veicoli della sua categoria nei crash test Euro-NCAP, secondo il comunicato di IMA.

La motorizzazione è costituita da una coppia di motori elettrici CPM da 24 kW di potenza: grazie allo scarso peso dell’auto essa può raggiungere i 120 km/h e gode di un’accelerazione 0/100 km/h in 9,9 secondi.

Una batteria ad alte prestazioni agli ioni di litio ferro-fosfato prodotta da Axxellon fornisce l’autonomia di 110 km con una prospettiva di vita di 2.000 cicli di carica/scarica e tempi di ricarica veloci: 2 ore da presa domestica, 20 minuti (per l’80% della carica) da stazione di ricarica rapida.

Il design del Colibri EV è stato curato da Christian Böhme e vede soluzioni mirate all’ottimizzazione della funzionalità e degli spazi: le portiere ad ala di gabbiano consentono di essere aperte anche con pochissimo spazio a disposizione, mentre la carrozzeria del mezzo è stata realizzata in poliuretano e tramite processi a bassissime emissioni.

I comandi del Colibri EV sono poi stati progettati per essere coerenti con quelli che sono previsti come i suoi principali sbocchi di utilizzo, ossia car sharing ed autonoleggi oltre che trasporto privato.

La plancia di comando è stata basata su una soluzione che vede un tablet come strumento di controllo: connesso alla rete, questi può servire facilmente alla gestione del mezzo all’interno di una flotta di car sharing come guidare il veicolo attraverso percorsi pre impostati.

 

Progetto assistito dal Ministero Federale tedesco per l’Educazione e la Ricerca (il BMBF) con 2,8 milioni di euro e sviluppato da un concerto di medie aziende ed enti di ricerca, il Colibri EV non sarà prenotabile prima del prossimo anno e verrà consegnato ai clienti non prima del 2015 con un prezzo stimato inferiore ai 10.000 euro.

Con una clientela privata sempre più attirata da concetti di traffico intelligente che consentano una combinazione di diverse modalità di trasporto personali e non, come auto private, car sharing o TPL, il Colibri si dice in grado di coprire l’80% della domanda di mobilità privata.

Potete trovare maggiori informazioni sul sito del produttore Innovative-Mobility.

 

[A.L.]

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here