Stazioni di ricarica per auto elettriche anche al Congresso americano

0
498
photo credit: Bernt Rostad via photopin cc
photo credit: Bernt Rostad via photopin cc

Mentre il Dipartimento dell’Energia statunitense lavora all’espansione delle infrastrutture di ricarica chiedendone l’adozione presso i parcheggi delle aziende e delle fabbriche del paese, anche la House of the Rapresentatives, l’altra sede, assieme al Senato, del Congresso bicamerale a stelle e strisce, ha intenzione di dotarsi di stazioni di ricarica per auto elettriche.

La decisione arriva dall’organo di informazione più legato alla Capitol Hill, il Roll Call, secondo il quale, secondo le norme approvate nell’estate scorsa, i garage della House che ospita i Rapresentatives saranno forniti di punto di ricarica elettrica per consentire a quanti vogliano di recarsi al lavoro con un veicolo a zero emissioni.

Dipendenti e membri del Congresso potranno pagare o una tariffa di 27 dollari mensili o 8 dollari al giorno, circa 20 e 6 euro rispettivamente.

Naturalmente esistono pareri controversi sull’iniziativa, uno su tutti quello del Senatore Repubblicano John McCain che l’ha definita uno “spreco di denaro pubblico” per qualcosa che è invece inaccessibile alla maggior parte degli Americani.

In realtà, proprio il programma del DOE che prevede l’adozione della ricarica nei parcheggi per i dipendenti da parte delle aziende private mira a rendere l’uso dei veicoli elettrici pratico per le diverse fasce di popolazione: allo stesso modo, molte società impegnate nella mobilità sostenibile e nel campo delle energie vedono di buon occhio il messaggio positivo proveniente dall’iniziativa del Congresso.

Certo che, a volte, il mondo sembra essere spaccato in due: mentre negli USA esistono rappresentanti di governo che usano auto a zero emissioni e le stazioni di ricarica vengono installate quasi regolarmente nei parcheggi, in Italia trovare una colonnina di ricarica (e poterla usare, visto che sono usualmente “occupate” da macchine parcheggiate) risulta un’impresa; per non parlare dell’idea che a Palazzo Madama possano prendere in considerazione di installare delle stazioni di ricarica per auto elettriche: fa involontariamente sorgere il sorriso sulle labbra.

 

[AnRi]

Fonte: Roll Call via AutoblogGreen

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here