Taxi elettrici e 500esima colonnina di ricarica per Rotterdam

3
551
BYD e6 taxi elettrici Rotterdam
BYD e6 taxi elettrici Rotterdam
BYD e6 taxi elettrici Rotterdam
BYD e6 taxi elettrici Rotterdam

Nel mese di dicembre 2013 la seconda città dei Paesi Bassi, Rotterdam, nonché primo porto d’Europa, ha definitivamente introdotto i primi quattro taxi completamente elettrici nella flotta di RTC, Rotterdam Taxi Centre.

RTC è il primo operatore di taxi dei Paesi Bassi e dopo un programma di test che ne ha verificato l’affidabilità ha approvato l’utilizzo di auto elettriche nel servizio regolare: la prima flotta di taxi elettrici di Rotterdam si costituirà nell’arco del 2014 e conterà 25 esemplari.

Le auto a emissioni zero, quindi non inquinanti, testate e scelte sono delle Tesla Model S e delle BYD e6, crossover 5 posti prodotte in Cina da una delle più rampanti aziende automotive nel settore dell’elettrico.

Le BYD e6, le stesse scelte anche dall’operatore britannico Greentomatocars per Londra, si presentano come auto di fascia media per allestimenti ed hanno il loro punto di forza nell’autonomia di 300 km erogata dalla batteria al Litio-Ferro Fosfato sviluppata da BYD.

La batteria è anche garantita per sopportare 4,000 cicli di carica/scarica e si ricarica in 4 ore in corrente alternata grazie ad un sistema di rifornimento rapido brevettato sempre dall’azienda cinese.

Rotterdam ed il CEO di RTC si dicono convinti che la strada giusta sia l’adozione di auto elettriche per il trasporto pubblico, mentre BYD aggiunge questo contratto agli svariati già conseguiti al di fuori dei confini cinesi: in questo recente servizio televisivo britannico potete vedere i suoi taxi elettrici all’opera a Bogotà, capitale della Colombia che ha deciso di convertire i servizi di taxi alle zero emissioni per combattere il forte inquinamento.

Sulle lussuose Tesla Model S rimandiamo al relativo test drive per averne una visione più approfondita.

Tuttavia Rotterdam, che conta poco meno di 620mila abitanti ed ha una superficie di 319 km quadrati, può gioire di un altro traguardo: la cinquecentesima colonnina di ricarica pubblica della città, cui se ne aggiungeranno ulteriori 300 già commissionate al fornitore Cofely. La città portuale ambisce infatti sin dal 2012 a raggiungere le 1,000 stazioni di ricarica entro il termine del 2014.

Già, il dato è utilizzabile per dare una misura del gap che esiste fra l’Italia ed i Paesi del Nord Europa in quanto a mobilità elettrica: impelagati nel ciclico dubbio sulla validità dell’auto elettrica, Roma, la nostra capitale, dispone di appena 88 punti di ricarica. Rotterdam, attualmente, di 500.

Senza contare che i Paesi Bassi hanno già approvato ed appaltato la costruzione di una rete di ricarica nazionale ed hanno in progetto di rendere l’autostrada A15 totalmente ad emissioni zero.

Una bella differenza, no?

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: BYD

3 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here