Tesla Model 3, anticipazione a Marzo e produzione in due anni

1
704
photo credit: DSC02290 via photopin (license)
photo credit: DSC02290 via photopin (license)
photo credit: DSC02290 via photopin (license)

Tesla Motors scalda i motori, senza però fare il passo più lungo della gamba. È questa la sensazione data dal tweet con cui Elon Musk, patron del Marchio californiano, ha anticipato il 2 Settembre scorso che la Model 3, vettura decisiva per il panorama elettrico nonché per Tesla stessa, inizierà a farsi vedere a Marzo 2016.

Fra un altro semestre inizierà a quanto pare una campagna di pre-ordinazione dell’auto, che evidentemente dovrà prima essere mostrata al pubblico, cosa che sin ora non è avvenuta. Per la produzione, invece, non se ne parlerà prima di un biennio, ossia, prima che la Gigafactory che ha il compito di portare Tesla e la sua partner Panasonic in cima alla graduatoria mondiale dei produttori di batterie agli ioni di litio.

Vettura decisiva, si diceva: la Model 3, per Tesla Motors, rappresenta da tempo il modello candidato alla vera produzione di massa.

Attesa ormai da tempo – se ne è iniziato a parlare un paio di anni fa – la Tesla Model 3 dovrebbe infatti avere misure più contenute della sorella Model S ed un prezzo chiave, in grado di far competere i Californiani con modelli di fascia medio-alta di Marchi ben più conosciuti, quali ad esempio la BMW Serie 3.

Proprio il prezzo è il vincolo che determina in gran parte il temporeggiare di Palo Alto sull’uscita del modello: per immettere sul mercato un’auto elettrica con gli standard qualitativi Tesla Motors, da 300 km di autonomia, al prezzo di 35mila dollari la Casa ha sostanzialmente bisogno di una forte economia di scala sulla quale basarsi.

Tale economia arriverà, nei piani di Elon Musk & Co., dalla Gigafactory, la gigantesca fabbrica di batterie agli ioni di litio che, assieme a Panasonic, dovrebbe portare la società a sfornare tante unità da farne crollare i prezzi ed assicurare a Tesla una sorta di strapotere nel settore dell’accumulo di energia in campo automobilistico.

Tuttavia, prima che la Gigafactory, regolarmente in costruzione a Reno (Nevada), entri a pieno regime occorrono almeno due anni: ecco perché lo stesso Musk ha tweettato che la Model 3 sarà nella line up del Marchio in non meno di 700 giorni, specificando “Fully operational Gigafactory needed”.

Nel frattempo, Tesla Motors sta per introdurre, finalmente, il suo terzo modello (secondo in produzione, dato che la Roadster è off line), il SUV Model X, ormai atteso al lancio in appena un paio di settimane.

Per la berlina elettrica “economica” occorre dunque portare ancora un po’ di pazienza.

 

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: TransportEvolved

 

1 COMMENT

  1. foto scura.
    entro mar016 700gg tecnicamente farebbe pre giusto in tepo ad andare in amministrazione cotrollata.
    al solito In 50 anni non s’è voluto svipluppare una rete distribuzione metano 220 bar decente, adesso vogliam l’eletrtrico, se non l’idrogeno 700bar e abbiamo ancora paura della sisurezza etano, mah..
    che interessi i saranno in realtà?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here