Vendite auto elettriche negli USA: anche a maggio Nissan Leaf è davanti a Chevrolet Volt

1
295

Si è chiuso il quinto mese del 2013 e le vendite dei veicoli elettrici negli Stati Uniti mantengono il segno “più” davanti alle loro statistiche: in particolar modo Nissan Leaf, per la quale si potrebbe cominciare a parlare di un trend positivo.

Nel mese di maggio 2013 i due modelli di auto elettrica più rappresentativi del mercato a stelle e strisce si sono confermati positivamente per quel che concerne i numeri del loro segmento, sempre lontani da quelli del mercato complessivo (stiamo anche parlando pochi modelli contro tutta l’offerta endotermica).

La Nissan Leaf, 100% elettrica ed ora prodotta in casa per gli Americani – a Smyrna, nel Tennessee – ha venduto 2,138 unità, proseguendo sul ritmo dei mesi precedenti. Nel confronto tra il maggio del 2012 e quello del 2013, Leaf registra una crescita di oltre il 300%, vedendo ancora una volta il mese appena concluso affermarsi come il secondo migliore di sempre. Inizia ad essere un’abitudine per i Giapponesi.

La Chevrolet Volt, avversaria elettrica di categoria extended range(cioè non elettrica “pura”), ha fermato il pallottoliere sulle

Chevrolet Volt © GM Company

1,607 unità consegnate ai clienti, una settantina in meno (il 4.3%) rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

C’è di positivo per la Volt, sorella della Ampera, che le 1,607 auto vendute invertono il declino degli ultimi tre mesi, sempre digradanti, dalle 1,626 unità di febbraio sino alle 1,306 di aprile, e che questi primi cinque mesi del 2013 comunque registrano un +1.4 % rispetto alle vendite complessive dello stesso periodo del 2012.

Come ricordano sui blog statunitensi, tra la Leaf e la Volt c’è ancora un disavanzo globale di circa 10,000 unità vendute a favore della Volt, per quel che riguarda il mercato USA: la Leaf sta però recuperando con decisione ed è curioso che l’elettrica pura sopravanzi nettamente la più rassicurante (almeno per chi teme di rimanere a secco) Volt extended range.

 

 

Andrea Lombardo

Fonti: AutoblogGreen

 

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here