Coca Cola, meno CO2 per le consegne delle bibite

La più grande flotta di van commerciali ibridi del Nord America si allarga ancora con la conversione anche dei modelli di recente acquisto
0
2162
Coca Cola Chevrolet Express
Coca Cola Chevrolet Express - photo credit: fdenardo1 via photopin cc
Coca Cola Chevrolet Express
Coca Cola Chevrolet Express – photo credit: fdenardo1 via photopin cc

Uno dei brand più conosciuti al mondo, Coca Cola, ha deciso di ridurre la carbon footprint, ossia la scia inquinante, delle proprie bibite: la flotta di furgoni Chevrolet Express, modello 2014, appena acquistati in Nord America saranno infatti convertiti alla motorizzazione ibrida elettrica.

Nel Nord America Coca Cola dispone già della più numerosa flotta di veicoli semi-pesanti elettrici e l’aggiunta di queste 100 conversioni entro la fine del 2013 va a consolidarne il primato.

L’aspetto curioso è che invece di acquistare 100 veicoli già con motore ibrido, Coca Cola ha optato per una conversione affidata a XL Hybrids, sviluppatrice di un powertrain che sfrutta l’elettrico per ridurre emissioni inquinanti e consumi.

Il vantaggio per Coca Cola si materializzerà in un risparmio dal 15 al 20 per cento nei consumi di carburante rispetto all’utilizzo di furgoni tradizionali e nel taglio di 4,000 tonnellate di diossido di carbonio emesso in un ciclo di vita di 10 anni.

Economicamente, la maggior efficienza dei van convertiti farà sì che essi ripagino tre volte il proprio prezzo d’acquisto nell’arco dei loro anni di servizio.

Bruce Karas, Vice Presidente del settore Ambiente e Sostenibilità del marchio Coca Cola afferma “continuiamo a fare investimenti sul risparmio energetico perché sono positivi per gli affari, per la comunità per cui lavoriamo e per il pianeta”.

Entro il 2020 le bibite che terremo in mano avranno emesso il 25% di CO2 in meno”, prosegue Karas.

Coca Cola, sempre negli States, ha anche annunciato l’entrata in servizio dei primi 16 furgoni frigo alimentati da un sistema elettrico plug-in: guarda caso, serviranno a consegnare le bibite marchiate Odwalla (marchio registrato da Coca Cola) nella baia di San Francisco, una delle più eco friendly in termini di trasporti.

Coca Cola è riuscita, nella sua storia, a condizionare persino l’immagine di Babbo Natale, vogliamo che non riesca a dare il buon esempio adottando flotte di veicoli poco (o non) inquinanti?

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: EvWorld

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here