Auto elettrica fai da te: studente delle superiori costruisce una Honda S2000 elettrica

6315
hondas2000
Honda S2000 via AutoblogGreen
hondas2000
Honda S2000 via AutoblogGreen

Gli adolescenti sono tutti dei perdi tempo dediti solo ad inseguire le mode? Qualcuno, anche legittimamente, lo sarà pure: ma ad altri basta dare gli strumenti giusti e possono combinare quello che non t’aspetti.

Per esempio, progettare e costruire – elementi compresi – la conversione elettrica di una vecchia auto di serie. Il giovane Juan Ehringer, senior high schooler, cioè studente agli ultimi anni di scuola superiore nel mondo anglosassone, come passatempo si è scelto la realizzazione di una “sua” auto elettrica.

E non si è tirato indietro di fronte a nulla: ha, infatti, disegnato in CAD – programma di grafica vettoriale, per chi non l’avesse mai visto – i diversi elementi, assemblando da sé la batteria utilizzando delle celle polimeriche agli ioni di litio.

Il ragazzo è partito da una vecchia carcassa incidentata – scelta non a caso: la Honda S2000 è un’auto relativamente leggera, quindi più adatta di altre per un retrofit – e, con poca spesa, se l’è portata in garage; a questo punto ha sfruttato una sua peculiare competenza, la capacità di progettare in CAD e sagomare elementi meccanici tagliandoli al laser (altra attività di questo intraprendente ragazzo), per realizzare tutto quanto gli servisse per trasformare la sua Honda in una sport car a zero emissioni.

Infatti, avendo cura di bilanciare bene la vettura posizionando la massa delle batterie sull’asse posteriore, ha dotato la S2000 restaurata di due motori elettrici e di una trasmissione Ford riadattata che la spingono ad avere una potenza di 686 kW, circa 920 cavalli: Ehringer mette in conto che il 15% di questa energia si dissipi, considerando come plausibili “solo” 782 dei cavalli trasmessi alle ruote motrici posteriori.

Come riportato da Motor Authority, è difficile pensare che effettivamente quest’auto artigianale sfrutti davvero la sua enorme potenza di oltre 2.000 Nm di coppia e oltre 900 cv: tuttavia, anche dimezzati sarebbero ottimi numeri.

Il giovane si è anche permesso di dotare la Honda S2000 electric da lui costruita di LED sequenziali sul posteriore (un tocco da “Supercar”) e di una chiave elettronica, riciclando l’hardware di un Nike+ iPod e di un controller programmabile di Arduino.

Adesso Ehringer si concentrerà sul perfezionamento dell’auto elettrica e del sistema di ricarica, anch’esso autocostruito: chiaramente, anche per le sue particolari attitudini, lo studente è sicuro di arrivare a completare lo sviluppo della sua Honda S2000 elettrica.

Certo, non bisogna pensare che costruirsi un’auto elettrica sia affare da tutti i giorni: però è argomento di laboratorio scelto sempre più dalle università scientifiche (recentemente in Inghilterra è stata realizzata una monoposto da corsa elettrica in kit di montaggio) ed è divertente che attiri l’attenzione dei più giovani, diventando anche una sfida personale.

 

Andrea Lombardo

Fonte: Motor Authority, Thin Mint on YouTube, AutoblogGreen

 

3 COMMENTS

  1. Certamente costruirsi in casa un’elettrica non è facile e non è da tutti.
    Ma anche per chi avrebbe competenze e contatti per realizzare i pezzi, deve purtroppo scontrarsi, qui in Italia, con una legislatura che rende poi quasi impossibile circolare. In USA, ad esempio, la legislazione è molto diversa: per omologare un pezzo unico serve molta meno burocrazia.
    Avevo visto una trasformazione su base BMW anni ’70 anch’essa ben riuscita e su quei livelli di potenza.
    Il binomio auto vintage/epoca e trasformazione elettrica secondo me è interessante, perche permette di continuare ad utilizzare un auto classica, spesso parecchio inquinante, anche tutti i giorni a emissioni zero.

Comments are closed.