Intelligent Mobility Frost & Sullivan, il 30% in meno di congestione del traffico dalla mobilità intelligente

0
464
photo credit: Rain Bangkok 083 via photopin (license)
photo credit: Rain Bangkok 083 via photopin (license)
photo credit: Rain Bangkok 083 via photopin (license)

Attorno al concetto di mobilità intelligente ed ai nuovi modelli di business che esso offre sarà imperniata l’annuale edizione di “Intelligent Mobility: Future Business Models in Connected and Automated Mobility” organizzata da Frost & Sullivan.

L’evento, in programma l’1 e 2 Luglio a Londra, presso la Camera dei Lord ed il Royal Garden Hotel, punta a colmare il divario tra i diversi soggetti interessati nel settore della mobilità: da una parte le autorità dei trasporti, che insistono sull’obiettivo di ridurre le emissioni di carbonio e sulla creazione di sistemi più sicuri per i pendolari, e dall’altra i produttori automobilistici, interessati a sviluppare nuovi veicoli sempre più ecologici e sicuri.

Con il concetto di mobilità intelligente F&S suggerisce la possibilità di definire una comune tabella di marcia che aiuti a ridurre la congestione del traffico fino al 30% e a diminuire le emissioni di carbonio e ad ottimizzare i tempi di viaggio con un margine addirittura del 60%.

Il problema principale che dobbiamo tuttora affrontare è la congestione del traffico. Sempre più veicoli affollano le strade, che sono state costruite con in mente una piccola frazione dei veicoli oggi in circolazione – evidenzia Sarwant Singh, Senior Partner e Global Practice Director – ma anche se la maggior parte delle case produttrici dispone di team dedicati per ognuno dei settori principali, come ad esempio l’automazione dei veicoli, la guida cooperativa (comunicazione V2X), i servizi per la mobilità o i trasporti ecosostenibili per pendolari, ciascuno di questi team lavora sulla propria soluzione per combattere il problema, invece di unire gli sforzi. La mobilità intelligente è un approccio che cerca di integrare questi team per sintetizzare gli sforzi individuali e raggiungere soluzioni per ridurre la congestione del traffico con molteplici benefici per tutti i soggetti interessati”.

Finora, la soluzione del settore per ridurre la congestione del traffico è stata l’offerta di servizi di ride sharing e car pooling. Tuttavia, anche se il car sharing ha guadagnato la reputazione che ogni auto condivisa può toglierne sette dalla strada, la realtà mostra che si limita ad attenuare l’esigenza di possedere un’automobile. Nell’ora di punta, continuiamo a vedere lo stesso numero di veicoli sulle strade, poiché il car sharing è usato da diversi utenti sparsi nel corso della giornata, ma non allo stesso tempo – spiega Singh – I servizi di ride sharing, invece, danno a diversi pendolari che percorrono lo stesso tragitto la possibilità di utilizzare un solo veicolo, invece di tre o quattro, e ciò contrasta direttamente il problema della congestione del traffico”. 

Tuttavia, un approccio combinato da parte di tutti i soggetti interessati potrebbe aiutare a raggiungere benefici trasversali, invece di un solo obiettivo a scapito di altri. “Secondo la nostra ultima ricerca, concentrare gli sforzi potrebbe risultare in una riduzione da un minimo del 15% fino al 33% delle collisioni attraverso la gestione degli incidenti, e di un altro 10% grazie alla prevenzione avanzata delle collisioni – conclude Singh – L’ottimizzazione dei modelli di ride sharing e car sharing può aiutare a ridurre i costi globali di 5,6 miliardi di dollari all’anno, mentre l’aumento della velocità media di viaggio potrebbe tradursi in una riduzione del 10-15% delle emissioni di CO2. Crowd-sourcing, gamification e social networking saranno i mezzi per portare questi cambiamenti anche all’attenzione dei conducenti”.

Oltre a focalizzarsi sui nuovi e futuri modelli di business per la mobilità, l’evento “Intelligent Mobility” riunirà gli esperti del settore in ambito di veicoli autonomi, veicoli connessi, Big Data nel settore automobilistico, sicurezza digitale e piattaforme di e-commerce. La conferenza sarà arricchita da un dibattito alla Camera dei Lord e dall’evento serale e cena di gala di Frost & Sullivan per l’assegnazione dei premi per la mobilità intelligente.

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: Frost & Sullivan

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here