Norvegia, sono 50mila le auto elettriche immatricolate nel Paese

0
543
photo credit: Tesla Model S via photopin (license)
photo credit: Tesla Model S via photopin (license)
photo credit: Tesla Model S via photopin (license)

Scandinavia terra di auto elettriche? Ebbene sì, soprattutto dopo l’immatricolazione della vettura a trazione 100% elettrica numero 50,000 nella sola Norvegia, un vero e proprio record per il parco macchine di una nazione che non raggiunge i 10 milioni di abitanti.

Per la cronaca, l’auto elettrica numero 50mila è stata messa su strada lo scorso week end, e si è trattato di una Tesla Model S P85D, che a sua volta consolida la posizione di Tesla Motors fra le Case automobilistiche più apprezzate dai Norvegesi, non a caso al 4.3% di share sul mercato auto nazionale.

In generale, gli electric vehicles hanno ormai le spalle abbastanza larghe sotto le insegne del Paese rosso crociato, dove nell’ultimo anno hanno rappresentato il 20% delle immatricolazioni passeggeri globali e, in capo ad un paio di anni, sono saliti al 2% del parco veicoli circolante.

Un risultato raggiunto grazie ad un mix culturale e politico particolare che vede la Norvegia già dagli anni ’90 attenta all’utilizzo di veicoli a trazione elettrica unitamente ad un sistema di produzione dell’energia fortemente basato su fonti rinnovabili quali l’idroelettrico.

Considerando l’enorme ricchezza del Paese, primo esportatore di gas naturale e petrolio dal Mare del Nord, i fondi per finanziare forti incentivi rivolti alle auto a batteria non sono mancati negli anni, premiando gli elettromobilisti con esenzioni fiscali, sconti sull’acquisto, parcheggi e passaggi in traghetto (fondamentali in certe aree della Norvegia) gratuiti.

Nel 2014 le associazioni pro veicoli elettrici paventavano il rischio che il governo di Oslo potesse ritirare questi incentivi una volta raggiunta quella che veniva ritenuta una soglia critica di penetrazione di questa forma di mobilità per lo stato attuale delle cose, ossia proprio le 50mila unità.

Al momento pare invece che la discussione in merito sia ancora aperta e che la sospensione delle agevolazioni non sia imminente come la si prospettava.

Andrea Lombardo

Fonte: Elbil.no

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here