Renault ZOE: prime cose da sapere e dotazioni

7
935
Renault Zoe

Renault ZoeLa ZOE di Renault è l’auto elettrica probabilmente più attesa d’Europa: vanta un’autonomia invidiabile, la più alta del suo segmento, un prezzo realmente competitivo ed un design di gusto molto europeo. Arriverà sul mercato a partire dal mese di marzo 2013, mentre in Francia è comparsa già nel dicembre del 2012.

Ma cos’ha di speciale quest’auto, chiamata dai francesi “supermini per tutti i giorni”?

 

Intanto è nata per essere elettrica e questo è un indubbio vantaggio poiché è stata interamente progettata secondo le necessità energetiche e funzionali di questo tipo di propulsione pulita.

In secondo luogo, non trascurabile, ha un aspetto accattivante, molto conforme ai prodotti delle gamme Renault: le sue linee sono morbide, dove ne finisce una ne inizia sempre un’altra per suggerire le forme proprie di un’auto concepita per il continuo movimento. Ha personalità ma non appare come un’astronave aliena, tendenza di certe prime auto elettriche che puntavano fin troppo sul loro essere “diverse”. La natura a zero emissioni non è però rinnegata, anzi, è rivelata da dettagli ricercati: le superfici vetrate della Renault Zoe sono azzurrate come anche il logo, mentre i cristalli dei fanali posteriori sono trasparenti ma con la presenza di cerchiature concentriche azzurre al loro interno, visibili da spenti o con l’illuminazione notturna.

Ecco i punti salienti da conoscere sulla ZOE:

• È vantata come la più economica, con un prezzo di partenza di €13.700 VAT inclusa (prezzo al pubblico per la Francia, al quale è applicato un ecobonus di €7.000, ed il noleggio del pacco batterie a €79/mese VAT incl. Per un periodo di 12.500 km o 3 anni).

• Ha il range di autonomia più elevato in ciclo di omologazione europeo NEDC: 210 km.

• A seconda dello stile di guida e delle condizioni metereologi che, ZOE può coprire tra i 100 ed i 150 km in media, grazie al Range OptimiZEr.

Tempi di ricarica compresi fra i 30 minuti (disponendo di 43 kW) e le 9 ore (usando i 3 kW domestici), ottimizzati dal caricatore Chameleon della Zoe.

• È equipaggiata di serie con il sistema integrato di connessione multimediale Renault R-Link.

 

Il primo piatto forte è l’autonomia

Il sistema Range OptimiZEr è il segreto dell’autonomia media di 100/150 km per singola carica della Renault Zoe: implementa del 25% l’efficienza del veicolo, integrando tre innovazioni quali i freni rigenerativi di nuova generazione, che sfruttano ancor più il motore come generatore di energia in fase di decelerazione, la pompa di calore per il clima del veicolo (sistema usato anche sulla nuova Leaf) e l’utilizzo dei pneumatici Michelin Energy E-V™.

Il sistema di riscaldamento/raffreddamento funziona usando lo stesso principio di quelli domestici a tutti noti, con l’inversione del ciclo di raffreddamento e l’immagazinamento di calore utile a riscaldare l’aria che poi viene insufflata nell’abitacolo: in questo modo il consumo di energia è tre volte più basso che con usando un tradizionale sistema di climatizzazione.

I pneumatici dicono anch’essi la loro: la Zoe monta di serie i Michelin Energy E-V™ che, grazie alla loro capacità di deformarsi per aumentare l’aderenza sotto il peso e la spinta dell’accelerazione, consentono di guadagnare un 30% di energia, altrimenti persa a causa del rollìo indotto dall’accelerazione repentina tipica del motore elettrico, al confronto con normali pneumatici.

 

Stili di guida

Consci che i comportamenti degli automobilisti influiscono sul rendimento di un’auto elettrica più che su una tradizionale, i progettisti della Renault Zoe l’hanno dotata di una modalità di guida Eco che permette un incremento dell’autonomia del 10% e di un’interfaccia user-friendly tra i comandi di guida per il sistema multimediale R-Link.

Quest’ultimo fornisce al guidatore tutti i dati necessari ad ottimizzare il proprio stile di guida e trarre il massimo dall’efficienza della Zoe: mediando i dati degli ultimi 200 km (ricalcolabili sugli ultimi 30, se necessario) percorsi, viene indicato il livello della batteria e la proiezione dell’autonomia residua, mentre sono evidenti anche il consumo di energia e la quantità rigenerata ad intervalli prestabiliti, assieme alla velocità , alla marcia in uso (Neutral-Drive-Reverse-Park) ed altre informazioni dal computer di bordo.

L’Eco mode riduce l’output di potenza del motore e l’energia usata dal sistema di riscaldamento/raffreddamento: quando lo si usa il display dietro al volante si retro illumina di verde, mentre in modalità normale risulta blu e viola quando si adotta uno stile di guida più aggressivo e dispendioso.

 

Connettività e gestione da remoto

Il “my Z.E. Connect” è un pacchetto di applicazioni che permettono di monitorare Renault Zoe ovunque tramite smartphone o computer: tutti i dati riguardanti livelli di autonomia e carica, sia in corso che no, storico dei parametri di guida degli ultimi viaggi e delle ricariche effettuate, sono sempre leggibili dal proprio device.

Si possono inoltre vedere l’ubicazione delle stazioni di ricarica in ogni città, consigli pratici per un miglior utilizzo delle vetture elettriche e le notifiche d’inizio, fine ricarica (via e-mail), gli avvisi per la batteria scarica o l’interruzione della ricarica (tramite e-mail o sms).

My Z.E. inter@ctive” è invece il pacchetto che consente di comandare certe azioni da remoto alla vostra Zoe, sempre via smatphone o computer, come il settaggio e l’avvio del pre-conditioning dell’abitacolo (fondamentale in certe situazioni e per risparmiare energia in condizioni climatiche estreme), far cominciare il processo di ricarica (se l’auto è collegata ad una presa, chiaramente), impostare un’agenda di ricariche programmate nel tempo e calcolare quando farle avvenire in base ai costi delle fasce orarie nella fornitura elettrica.

 

Questa è la prima visione d’insieme della Renault Zoe che vi offriamo, sperando che sia utile per avere un’idea delle funzionalità dell’auto francese 100% elettrica attesa sul nostro mercato.

Nei prossimi articoli scriveremo più specificatamente a proposito delle sue caratteristiche tecniche: nel frattempo vi consigliamo il confronto con la nuova Nissan Leaf e l’articolo sull’accordo Enel-Renault che vede andare di pari passo la Zoe ed il suo caricatore Chameleon con le colonnine ultra rapide Fast Recharge.

Non sia mai che l’avvento dell’auto elettrica per le masse non sia così lontano come molti vogliono dipingerlo.

 

[A.L.]

 

7 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here