Il Gruppo Bollorè, una delle prime 500 società globali, continua la sua scommessa sulla mobilità sostenibile estendendo i confini del suo car sharing elettrico.

Dopo aver realizzato ed affermato l’Autolib di Parigi che oggi può contare su ben 3800 veicoli elettrici, oltre 6000 colonnine di ricarica e 180.000 utenti, seguito poi dalle analoghe strutture di Bordeaux (Bluecub), Lione (Bluely) e solo l’anno scorso da quella di Indianapolis negli Stati Uniti, il marchio francese ha scelto Torino come prima città italiana dove replicare la sua proposta che concilia la possibilità di spostarsi liberamente in auto, con la massima flessibilità di utilizzo, nel rispetto della salute, dell’ambiente e del patrimonio artistico cittadino.

Da pochi giorni è infatti operativo nella città della Mole il servizio BlueTorino, gestito da Blue Solutions, società del Gruppo Bollorè, che prevede la disponibilità nei prossimi dodici mesi di 150 BlueCar e la realizzazione di 250 infrastrutture di ricarica destinate a raggiungere il numero di 700 nell’arco del prossimo triennio a miglior copertura del territorio urbano.

Le auto utilizzate, il cui numero a regime è previsto in 400 unità, sono le ormai collaudate BlueCar, in servizio anche a Parigi, che furono disegnate da Pininfarina e la cui produzione, fino ad oggi oltre le 5.000 vetture, è allocata a Bairo, nel Canavese, che occupa circa 90 persone e dove è previsto che essa continui.

In tal senso la scelta della Municipalità di Torino, che ha accolto il piano di Bollorè, oltre a perseguire obiettivi di riduzione delle emissioni inquinanti e dell’impatto del traffico derivante dalla mobilità privata, ha importanti ricadute sul piano industriale ed occupazionale, e si pone come esempio di sinergia positiva tra pubblico e privato.

L’investimento complessivamente è di 13 milioni di euro di cui 3 per il 2016. Il IMG_5677progetto prevede tre fasi: la prima, di test, appena iniziata, con un numero di vetture limitato per far prendere conoscenza del servizio e delle sue modalità ai cittadini interessati. La seconda fase, a partire da giugno, dovrebbe coinvolgere un’area più ampia della città aumentando il numero di infrastrutture ed auto fino al lancio vero e proprio previsto per settembre 2016.

Le infrastrutture, a regime, non saranno solo a disposizione degli utenti del servizio BlueTorino ma potranno essere utilizzate da tutti i possessori di auto elettriche stipulando un contratto con Iren.

 

I vantaggi ed i costi del servizio

Le auto elettriche del servizio BlueTorino saranno disponibili per il noleggio 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 e potranno spostarsi tra le stazioni, senza obbligo di tornare alla stazione di partenza per la riconsegna.

I veicoli possono essere prenotati in anticipo così come il posto auto dove parcheggiare presso la stazione di arrivo.

E’ anche disponibile un servizio di assistenza ai clienti attivabile sia presso i terminali per l’abbonamento che mediante il pulsante situato all’interno della Bluecar.

Le auto potranno accedere alle ZTL e beneficeranno del parcheggio gratuito nelle aree dove è previsto.

I costi del servizio variano a seconda delle diverse modalità di utilizzo, come è stato riportato nel corso della presentazione, e prevedono, per chi ipotizza un uso frequente, 5,5 euro al mese con 10 euro di registrazione (prenotazione parcheggio gratuita e illimitata), 8 euro per un giorno ogni mezz’ora di utilizzo (senza prenotazione e con 2 euro opzionali per prenotare il parcheggio) e di 7 euro per un mese ogni mezz’ora di uso (con 25 euro di registrazione e 1 euro per prenotare il parcheggio).

 

Le caratteristiche della BlueCar

IMG_5678La vettura progettata da Pininfarina si avvale della tecnologia della batteria LMP (Litio-Metal-Polimeri) sviluppata dal Gruppo Bollorè caratterizzato da 30 kw/h ed in grado di consentire 250 km di autonomia in ambiente urbano.

Altri punti di forza di tale batteria sono la non sensibilità alle variazioni climatiche, una elevata stabilità termica che evita pericolosi surriscaldamenti, la facilità di riciclabilità grazie all’assenza di componenti tossici.

 

Motorizzazione e batteria  
Potenza max 50 kilowatt
Potenza nominale 35 kilowatt
Batteria LMP 30 kilowatt
Struttura  
Telaio In acciaio ed alluminio
Carrozzeria In alluminio
Numero porte 2
Numero posti 4
Dimensioni  
Lunghezza 3.65 m.
Larghezza 1.70 m.
Altezza 1.61 m.
Volume di carico 350 dm3
Peso totale a vuoto 1120 kg
Prestazioni  
Velocità massima 120 km/h
Accelerazione da 0 a 60 km/h 6,3 s
Autonomia  
Ciclo urbano 250 km
Ciclo extra urbano 150 km

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here