Bari, da Ikea due nuove colonnine di ricarica per auto elettriche

2888
Image via Bari Today (www.baritoday.it)
Image via Bari Today (www.baritoday.it)

Il capoluogo della Puglia, Bari, potenzia la sua rete di ricarica per auto elettriche raggiungendo quota 25 colonnine pubbliche: le ultime due sono state installate presso il parcheggio di Ikea, il mega store dell’arredamento.

L’inaugurazione è avvenuta venerdì 25 ottobre alla presenza dei rappresentanti di Enel Infrastrutture e Reti Puglia e Basilicata, di Ikea Bari e del Comune di Bari: i due punti di ricarica saranno al servizio dei clienti Ikea alla guida di veicoli elettrici o ibridi, offrendo loro la possibilità di rigenerare l’autonomia del proprio mezzo durante la permanenza nel centro commerciale.

Le colonnine installate da Enel prevedono due modalità di ricarica: lenta a 3kW o veloce a 22kW. Esclusa l’opzione della ricarica ultra rapida a 43 kW: con i dispositivi messi a disposizione i tempi vanno dalle circa 2 ore per il 50% della carica (3kW) a quasi il 100% in 1 ora, a seconda del modello di veicolo.

Le due nuove colonnine si sommano alle 23 installate a luglio e fornite sempre dal gestore nazionale Enel nell’ambito del progetto Bari Smart City con il quale il capoluogo pugliese si è messo in lizza per l’assegnazione dei fondi europei come diverse città italiane (Genova, Torino, Milano per citarne alcune). Bari è la città che ha agito con maggior anticipo nel sud Italia riguardo alla mobilità a emissioni zero: proprio in Puglia, Lecce ne sta imitando l’esempio in questi mesi.

Ikea non è nuova, dal canto suo, al dedicare attenzione alla sostenibilità ambientale ed ha già installato impianti di ricarica per auto elettriche presso altri punti vendita italiani e non solo: la presenza di colonnine di ricarica elettrica in zone strategiche come gli agglomerati commerciali è fondamentale per iniziare a dare una copertura del territorio che garantisca di viaggiare almeno su tragitti specifici, dal punto A (casa) al punto B (lavoro, luogo dove si fa la spesa o altri acquisti) e vice versa. Questo almeno finché l’auto elettrica sarà relegata al ruolo di ”citycar di servizio”.

 

Andrea Lombardo

Fonte: Repubblica Bari, Bari Today