Sfruttare il traffico per generare energia pulita: ecco un progetto che arriva dal Messico

0
1862
traffico
photo credit: mugley via photopin cc
traffico
photo credit: mugley via photopin cc

Il principio è semplice, ossia sfruttare il movimento delle automobili per generare energia elettrica a costo zero ed impatto zero. Come? Convertendo la forza con cui i veicoli “impattano” contro particolari dossi stradali.

Il progetto in questione è stato sviluppato in Messico e la notizia arriva da Invetigación y Desarrollo, con Macías Hernández, lo sviluppatore del sistema, a spiegarne il funzionamento: in pratica, la pressione esercitata dalle auto al passaggio sul dosso, alto 5 centimetri, lo schiaccia come fosse un soffietto.

Proprio l’aria espulsa viene sfruttata per azionare una turbina elettrogena che produce l’elettricità: chiaramente la quantità di energia ricavata dipende da quante volte il soffietto viene compresso e, quindi, dal flusso veicolare che vi passa sopra.

Ovviamente più dossi si posizionano, più si può sfruttare il passaggio di ogni singolo automezzo che attraversi quella determinata strada: il sistema, a detta del suo sviluppatore, è particolarmente adatto ai Paesi in via di sviluppo che non possono permettersi tecnologie più costose. Lo stesso principio può essere esteso anche alle pavimentazioni pedonali, sfruttando il peso dei passanti per accumulare energia in modo pulito ed economico.

Il brevetto della tecnologia è stato portato a compimento con la collaborazione del Mexican Institute of Industrial Property (IMPI) ed Hernández afferma che, eccezion fatta per un progetto britannico, non esistono simili progetti nel resto del mondo.

La stessa idea è però alla base di un dispositivo di cui abbiamo parlato pochi mesi fa e sviluppato da una start-up italiana, Underground Power, in collaborazione con Auchan, la catena di centri commerciali. In quel caso i dossi si chiamavano PowerBumps e la trasformazione della forza esercitata dal passaggio delle vetture in frenata sugli stessi era effettuata dai moduli Lybra, tecnologia anch’essa brevettata.

Il funzionamento tecnico è probabilmente diverso ma il principio sfruttato è il medesimo: convertire la forza-peso in energia elettrica.

Il progetto dovrebbe essere partito in alcuni centri Auchan a Settembre: dal passaggio delle auto nel parcheggio si prevede di ricavare 100,000 kWh di elettricità all’anno.

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: AlphaGalileo

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here