Nuova Nissan Leaf: tutti i dettagli della versione europea

6
574
Nissan Leaf 2013

Nissan Leaf 2013A breve partirà la produzione anche fuori dal giappone della Nissan Leaf 2013, l’auto elettrica più attesa in quanto largamente rivista e migliorata sulla base dell’esperienza biennale dei precedenti modelli.

Tre allestimenti nuovi (Visia, Acenta e Tekna), un’autonomia migliorata a 199 km, un telaio appositamente studiato per le esigenze europee, la riprogettazione del blocco caricatore-motore-inverter e molti altri dettagli, sistema telematico incluso, sono le novità di questa vettura.

Le vecchie Leaf costituiscono la famiglia di auto a zero emissioni più venduta al mondo ed è dalla raccolta dati su questi modelli e dal confronto con i proprietari, diffusamente coinvolti sui forum di settore, che Nissan ha disegnato la nuova Leaf: secondo la casa giapponese, l’indice di soddisfazione dei conducenti era già alto, il 93%, ma molte migliorie potevano essere apportate.

In particolare, oltre a dettagli riguardanti il comfort dell’auto, alcuni interventi sostanziali su motore, efficienza nella gestione dell’energia e pacco batterie andavano affrontati: vediamoli punto per punto.

 

LA NUOVA LEAF NEL DETTAGLIONissan Leaf 2013

Tecnologie:

• Nuovo gruppo motopropulsore totalmente integrato

• Telaio più raffinato e agile, specifico per l’Europa

• Autonomia prolungata

• Opzione di ricarica rapida ultraefficiente

• Nuove dotazioni tecnologiche e modalità di guida

Linee esterne:


• Griglia ridisegnata per ottimizzare l’aerodinamica

• Nuove ruote

• Nuovi colori per la carrozzeria

Interni:


• Sedili a sostegno rinforzato

• Nuovi tessuti ecocompatibili

• Disponibili i rivestimenti in pelle

• Bagagliaio più capiente

• Dotazioni arricchite: si aggiunge l’Around View Monitor

• Tre allestimenti

 

Gruppo propulsore, aumento del volume di carico e dello spazio nell’abitacolo

Il caricatore, parte fondamentale per il processo di ricarica delle batterie, era posizionato dietro ai sedili posteriori, proprio nel pianale di carico del baule: un po’ scomodo, diciamolo, specie nel ripiegare i sedili, ed è stato quindi spostato ed integrato con il gruppo motopropulsore sotto al cofano anteriore.

In questo modo caricatore, inverter e motore sono totalmente integrati mentre il vano bagagli ha aumentato la sua capacità di carico di 40 litri, raggiungendo i 370 litri di volume complessivo. È stato anche possibile risparmiare dell’ulteriore spazio prezioso per le gambe dei passeggeri di coda, consentendo loro di allungarle al di sotto delle sedute anteriori grazie alla riprogettazione dei sedili.

Il motore della Leaf 2013 è rimasto l’elettrico sincrono in corrente alternata da 80 kW già usato, integrato però con gli elementi di cui si è appena parlato.

 

Riscaldamento ottimizzato e aumento dell’autonomia

Le vecchie Leaf avevano due problemi: uno era la gestione dell’energia da parte dell’impianto di riscaldamento (necessariamente anche dedicato all’unità batteria stessa per garantirne la temperatura d’esercizio ottimale) e l’altro era dovuto ad un calo prematuro delle prestazioni della batteria, problema riscontrato in un certo numero di casi.

Al secondo di questi problemi è stato ovviato studiando una nuova batteria con un range massimo di autonomia di 199 km per singola carica, certificati secondo il protocollo europeo NEDC, ed estendendo la garanzia sul pacco batterie a 5 anni o 100.000 km coprendo anche i casi di perdita anzitempo della capacità completa.

Il primo dei due punti invece rientra tra i miglioramenti apportati per ottimizzare i consumi di energia e contribuire ad aumentare l’autonomia della vettura: il nuovo impianto di riscaldamento e ventilazione che sostituisce l’originario ceramico PTC è un sistema a pompa di calore che rivelerà la sua utilità specie laddove l’uso della climatizzazione interna è fortemente richiesta dalla natura del luogo.

Anche la riduzione degli attriti interni al sistema propulsivo e la modifica della mascherina anteriore per ridurre il coefficiente aerodinamico (Cd) da 0,29 a 0,28 contribuiscono ad aumentare le prestazioni della nuova Leaf 2013.

 

Assetto e comfort di guida

È stato affidato al Nissan Technical Centre Europe (NTCE) il ridisegno di ammortizzatori, telaio, sterzo e freni della Leaf: ridotto l’effetto di galleggiamento indotto dagli ammortizzatori, resa più determinata ed agile, pur rimanendo fluida, l’accelerazione, ritarato lo sterzo secondo un feeling “più europeo” e resa maggiormente progressiva la frenata, con un incremento del recupero rigenerativo dell’energia altrimenti dissipata.

Nella modalità di guida “Eco” è stata introdotta una nuova impostazione, “B”, che modifica il comportamento della trasmissione calmando le accelerazioni ed aumentando la frenata rigenerativa in decelerazione.

 

Tempi di ricarica

Anche in questo caso sono stati ridotti grazie al nuovo caricatore interno da 6,6 kW in grado di sfruttare anche la corrente fornita dai punti di ricarica pubblici da 32 A (già presenti in alcuni mercati e di più rapida diffusione poiché economici rispetto ai Quick Charger, consentono di fare il pieno realmente in pochi minuti): in ogni caso, da presa domestica a 10 A si impiegano 4 ore e non più 8 per ricaricare l’auto mentre basta fare una proporzione con i 32 A per capire i vantaggi nei tempi da una stazione pubblica.

 

Dotazioni

Una delle novità principali riguarda l’impianto audio Bose Energy Efficient Series sviluppato da Bose® appositamente per fornire potenza di suono con un consumo di energia dimezzata.

Nissan Carwings, il sistema di navigazione che consente di controllare a distanza (tramite smartphone o computer) la climatizzazione della Leaf (fondamentale prima di partire in climi rigidi, vedi articolo precedente), di usare i riconoscimenti vocali e monitorare gli apparati della vettura, è stato anch’esso migliorato.

Ampio schermo a colori touchscreen, navigazione satellitare e connettività Bluetooth per telefoni e lettori musicali, ma soprattutto la nuova tecnologia Google Send to Car, che consente al proprietario di impostare i percorsi sul computer o sul tablet e inviarli poi alla vettura. E’ possibile accedere attraverso Google anche alle informazioni sui punti di interesse, sul meteo, ecc.

Il sistema di navigazione visualizza le uscite in autostrada in modo inequivocabile per il conducente e aiuta a guidare nel rispetto dei limiti, avvisando a livello visivo e audio quando si stanno superando le velocità raccomandate.

Nuova LEAF è anche dotata del tecnologico sistema Nissan Around View Monitor che, attraverso le telecamere poste in vari punti dell’auto, riesce a visualizzare tutto lo spazio che circonda la vettura a 360°, per manovre in assoluta sicurezza.

 

Allestimenti

L’attenzione per la natura passa anche attraverso i tessuti “bio” ricavati al 100% dalla canna da zucchero che fanno della Leaf 2013 l’auto più riciclabile sul mercato. Volendo sono disponibili anche interni in pelle di colore scuro.

I sedili sono stati riprogettati per essere più avvolgenti e più efficaci nel sostegno, con regolabilità in altezza.

Tre gli allestimenti: Visia, Acenta e Tekna.

Visia è la fascia entry-level, con cerchi in acciaio da 16 pollici con copriruota pieni, calotte dei retrovisori neri e fari alogeni.

Le versioni Acenta hanno cerchi in lega da 16 pollici, calotte dei retrovisori colorate e vetri posteriori oscuranti.

Le Tekna invece hanno interni in pelle, cerchi in lega da 17 pollici, fari anteriori a LED, impianto audio Bose e l’innovativo Around View Monitor di Nissan.

 

Sicurezza

Inalterata è la completa dotazione di sicurezza già presente sulle precedenti Leaf, che comprende airbag frontali, laterali e a tendina, ABS, EBD con assistenza alla frenata ed ESP.

Alcuni cambiamenti hanno riguardato piuttosto la connessione per la ricarica: intanto un LED adesso illumina la presa sul frontale dell’auto, il che aiuta quando l’illuminazione naturale viene meno. Poi la sicurezza della presa stessa è stata implementata introducendo una chiusura elettronica e dotando il cavo di ricarica di un blocco elettromeccanico che sopperisce al suo fissaggio manuale: apertura della presa e fissaggio del cavo sono controllabili dalla chiave i-Key in dotazione con la nuova Leaf.

 

In Europa le concessionarie con mandato per la Nissan Leaf sono circa 1.400: il nuovo modello sarà disponibile nell’arco dell’anno, quando la produzione inizierà per il nostro continente nell’impianto di Sunderland, nel Regno Unito, lo stesso che produce Qashqai, Note e Juke. Grazie agli incentivi statali ed alla riduzione di 3.000 euro sul prezzo di listino la nuova Leaf potrebbe divenire più accessibile.

 

[A.L.]

 


 

6 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here