Più di 5,000 km in auto elettrica: al volante della Tesla S Elon Musk in persona

0
582

L’ultima trovata del patron di Tesla Motors per rafforzare la fiducia della gente nelle auto elettriche – o, almeno, nelle sue auto elettriche – è stata la più semplice delle idee: un bel viaggio (con bambini) di oltre 5,000 km attraverso gli Stati Uniti a bordo di una Model S.

La scampagnata a zero emissioni era già stata proposta nel maggio scorso quando Tesla pianificava di espandere il Supercharger Network dedicato ai propri clienti ma solo adesso è stata realizzata: come per una normale gita di famiglia, accuratamente documentata stile reality show, Musk ha ripercorso un viaggio che aveva già fatto ai tempi del college; unica differenza: i cinque pargoli appresso.

Un quadro dalle tinte molto a stelle e strisce, non c’è che dire, servito a Musk per mostrare come si possa, grazie alla rete di ricarica ultra rapida Tesla, compiere viaggi di notevole portata senza problemi. Il resoconto del road trip elettrico riporta che i 5,150 km percorsi in 6 giorni da Musk hanno richiesto giusto 90 minuti di sosta quotidiana per la ricarica, circa 9 ore nell’arco dell’intero viaggio.

In realtà, secondo i blogger americani il conto fatto da Elon Musk non tiene conto della sosta notturna durante la quale la Tesla Model S usata è stata ulteriormente ricaricata: i 6 rifornimenti effettuati presso i punti del Supercharger Network non basterebbero infatti da soli per coprire l’intera distanza.

In ogni caso si tratta di un servizio più che efficiente: la Model S può arrivare a quasi 500 km di autonomia ed il network proprietario Tesla è in grado di ricaricarla completamente in 75 minuti.

Chiaramente è un’operazione di immagine, quindi sicuramente ben pianificata anche se non necessariamente menzognera: dall’anno scorso diversi proprietari di Tesla S hanno ingaggiato una sorta di competizione spontanea e partigiana per dimostrare le capacità dell’auto (ed un’orgogliosa appartenenza ad una classe di privilegiati, verrebbe da pensare), realizzando viaggi coast to coast nel Paese americano.

Tentativi finiti per ora sempre bene, con buona pace dei fan e rammarico dei detrattori: un paio di giornalisti, anche dalle colonne del New York Times, hanno provato a dimostrare che le capacità dell’auto elettrica californiana erano gonfiate; tuttavia è sempre risultato che si trattasse di test realizzati in mala fede.

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: GigaOM

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here