Smart Fourjoy: 4 posti, zero emissioni ed un modo nuovo di concepire l’auto

2
1036

Che cos’è Smart Fourjoy? È la nuova concept car che Daimler presenta all’edizione 2013 del Salone di Francoforte: dalla vocazione strettamente urbana, non solo declina l’anima della Smart Fortwo a quattro posti ma apre il concetto di auto verso un pieno contatto con l’ambiente. L’arma in più? Si chiama Electric Drive.

Molti vogliono vederci un’anticipazione della nuova Forfour, predestinata a rinascere elettrica, ma per il momento il concept Fourjoy ha abbastanza personalità da far parlare esclusivamente di sé.

Quattro posti – già un’eccezione in casa Smart – e nessuna portiera: alcun diaframma, eccetto il parabrezza anteriore, chiude il permeabile e luminoso abitacolo della Fourjoy, nemmeno sul tetto – difatti a bordo si sta col casco. Una visione di auto la cui connotazione futuristica è accentuata dalla finitura lucida della cella tridion in alluminio, fatta per enfatizzare il carattere esclusivo del Marchio; l’abitacolo è così notevolmente in risalto, quasi incastonato negli elementi della carrozzeria che delineano i paraurti ed i portelloni dei cofani, bianchi perlescenti.

Se all’interno la citycar del futuro ha spazio per quattro con un sedile posteriore dalla connotazione lounge, all’esterno sa essere davvero compatta (lunghezza/larghezza/altezza: 3494/1978/1494 mm) per sfruttare al meglio il raggio di sterzata di 9.1 metri. Un’agilità che si esprime appieno abbinata alla prontezza del motore Electric Drive da 55 kW posteriore.

Ma la Fourjoy è per Daimler la chiave che apre le porte ad una nuova famiglia di modelli “intelligenti” che fanno del design elegante e delle linee pulite un’icona del loro essere.

Il frontale della Fourjoy ha volumi deliberatamente accentuati nella loro tridimensionalità che aprono un enorme spazio di visuale anteriore per gli occupanti, accolti in un abitacolo libero da ingombri di montanti laterali. L’orgogliosa appartenenza al marchio Smart è evidenziata dalle lettere in rilievo sul radiatore frontale come dalla trama a nido d’ape delle griglie: tutti elementi già visti in precedenti studi di design realizzati da Smart.

Ma i legami con l’iconografia di famiglia non si fermano qui: le ruote sporgenti agli angoli estremi del veicolo, la fanaleria posteriore integrata nella cella tridion ed i quadri strumenti sferici sono tratti distintivi Smart.

I fanali posteriori devono molto alla prima edizione della Fortwo, con le luci a LED incorporate nel plexiglass e non rivestite da un ulteriore strato di vetro, in modo da esaltarne il design tridimensionale.

Reminescenza delle visiere trasparenti e colorate in voga nei primi anni ‘80/’90, elementi parasole stampati color petrolio trasparente rifiniscono i montanti anteriori dell’abitacolo, la parte superiore del parabrezza anteriore e costituiscono lo spoiler posteriore.

L’interno è un salottino, perché la Fourjoy aspira ad essere l’auto intelligente per le famiglie: spaziosa, elegante, adatta al viaggio occasionale e perfetta per la città.

Continuità è la parola d’ordine: strutturale, con l’unico elemento centrale che forma il supporto per cruscotto e sedili; formale, con i sedili che sembrano parte di un unico gruppo scultoreo; funzionale, con i comandi touch distribuiti lungo l’elemento centrale.

Un cruscotto modellato in plexiglass retroilluminato e stampato con un suggestivo e dilatante tema a nido d’ape ospitano volante, bulbi con gli indicatori ed alloggiamenti – davanti come dietro – per smartphone: naturalmente, la Fourjoy è sempre connessa.

Soprattutto, è connessa con l’ambiente esterno: l’intento sembra quasi essere quello di far entrare la natura (e la città) nell’auto.

Gli occupanti della Fourjoy, una volta scesi, non dovranno nemmeno riporre i caschi sotto ai sedili: potranno tenerli per sfruttare i due skateboard fissati sul tetto della vettura in modo da continuare a spostarsi senza inquinare, condividendo sui social network quanto viene catturato dalla videocamera sui caschi.

Intanto, si può ricaricare la batteria agli ioni di litio da 17.6 kWh della Fourjoy: 7 ore da presa domestica (220V) ma meno di 60 minuti per la ricarica completa da una colonnina rapida: perché la futura Smart 4 posti ha un intelligente caricatore on-board da 22 kW.

La promessa di Daimler è la produzione di questo gioiello a partire già dal 2014.

 

 

Andrea Lombardo

Fonte: EV World

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here